Sabato, 16 Dicembre 2017


Attualità

Il Movimento nazionale per l'agricoltura in Senato

20 Aprile 2017

Ieri mattina si è tenuta, presso la sala caduti di Nassiriya del Senato della Repubblica, alla presenza di un nutrito gruppo formato da operatori del mondo agricolo arrivati da tutta Italia, la conferenza di presentazione del Movimento nazionale per l'agricoltura.

In quell'occasione i rappresentati del Movimento hanno relazionato in merito alla criticità della legge 199 del 2016 in materia di sfruttamento del lavoro in agricoltura.

Sono intervenuti il vicepresidente del movimento Giacomo Sgobba, i componenti del direttivo Vincenzo Orlando, Michele Santacroce e l'esperto in materia di sicurezza sul luogo di lavoro ingegner Giuseppe Cacucci.

Il movimento ha portato la richiesta d'aiuto proveniente da tutto il comparto agricolo nazionale, e in particolare di quello pugliese, per fronteggiare la grave crisi che si è venuta a creare anche a seguito dell'entrata in vigore della legge 199 del 2016.

Il movimento ha sottolineato l'importanza della lotta al caporalato che la legge tenta di arginare ma che in realtà determina una forte criticità nell'applicazione concreta.

Il mondo dell'agricoltura, sostengono i rappresentanti del movimento, ha bisogno di flessibilità e non di rigidità, le regole contenute nella norma bloccano di fatto le assunzioni nel comparto agricolo e determinano un clima di inquietudine nei titolari delle aziende agricole.

Il movimento ha quindi chiesto alle istituzioni intervenute un cambio di rotta ed una urgente modifica della legge nella parte in cui prevede la responsabilità penale automatica del datore di lavoro, nella parte in cui prevede il sequestro dell'azienda durante il processo penale e la nomina del custode giudiziario.

 

Fonte: Movimento nazionale per l'agricoltura

Questo sito utilizza i cookie per le sue funzionalità tecniche e di profilazione. Chiudendo questo banner e proseguendo con la navigazione acconsenti al loro impiego; in alternativa è possibile personalizzare la loro configurazione.
Per avere ulteriori informazioni, consulta la nostra cookie policy.