Martedì, 20 Marzo 2018 18:00

    "Snackizzare" l'uva da tavola per aumentarne il valore

    Per un’attenta analisi del mercato è importante approfondire i due trend citati nel titolo, quello dell’import a valore e quello dell’import a volume.

    Import a valore
    Il valore delle importazioni in Europa nell’ultimo decennio è cresciuto del 31,9%. L'Italia ha aumentato la quota delle proprie esportazioni verso il Vecchio Continente del 25%, mentre altri Paesi esportatori - Grecia, Spagna, Perù, Sudafrica, Brasile, Egitto, Marocco - hanno registrato nel complesso una crescita anche più forte (+46,5 %).

    A livello di valore, l’Italia è co-leader con il Sudafrica sui mercati europei, anche se lo Stato africano haun'altra finestra commerciale. Il Cile, è l'unico Paese in calo in Europa, perché sta dirottando parte delle proprie spedizioni verso l'Asia, continente in grado di valorizzare maggiormente - in termini di euro/kg - le produzioni. In crescita anche il Perù, l'India, la Spagna e l’Egitto.

    Import a volume
    I volumi importati in Europa sono in leggero calo (-3%). L'Italia in termini di export è circa in bilancio (+ 3%), mentre le altre origini stanno aumentando notevolmente la propria quota (+10,3%). Anche a livello di volume l'Italia è leader assoluto in Europa, ma con cifre in decrescita. Situazione simile per altri Paesi, salvo alcune origini come l’India, che sta aumentando le quantità esportate.

    Nel 2016 il Paese che ha importato più uva da tavola è stato l'Olanda (30% del totale), in quanto rappresenta la maggior porta di entrata per le uve controstagionali provenienti dall’Emisfero Sud. A seguire la Germania (26%), mercato
    in cui l'Italia è leader, e il Regno Unito (25%), dove invece il nostro Paese è quasi assente e dove la Spagna ha conquistato una leadership molto stabile negli ultimi anni.

    In Europa, quindi, l’Italia è leader dal punto di vista del volume e co-leader da quello del valore. Purtroppo il nostro Paese si caratterizza anche per un’altra leadership, ma in negativo: quella del prezzo medio per chilogrammo più basso (1,45 €/kg) rispetto alla Spagna che invece è oltre 1 €/kg in più. Questo perchè l'Italia esporta molta più uva con seme rispetto al Paese Iberico.

    Una possibile soluzione
    Il contesto descritto è chiaro: le produzioni di uva da tavola italiane sono in calo e la popolazione del Vecchio Continente, nostro principale mercato di riferimento, è in flessione. Si tratta di previsioni poco rosee per il settore.

    Quale possibile soluzione?
    Per dare una risposta, si rende necessario fare un parallelismo tra uva da tavola e uva da vino. A livello europeo, anche dal punto di vista dell'uva da vino, il nostro Paese è leader in volume, con oltre 20 milioni di ettolitri di vino esportati per un valore di circa 5,5 miliardi di euro. La Francia, nostro principale competitor nel settore vinicolo, ne esporta meno, circa 14 milioni di ettolitri, ma per un valore di oltre 8 miliardi. I francesi sono stati quindi molto bravi a valorizzare il proprio prodotto, non aumentando i volumi esportati ma il valore unitario.

    Il settore dell’uva da tavola dovrebbe utilizzare la medesima strategia: puntare sul valore e non sul volume.
    La penetrazione, ovvero l'entità percentuale della diffusione di un prodotto all'interno di una popolazione (in termini più semplici, la percentuale di persone che acquista uva in un determinato periodo, in questo caso un anno) è da ritenersi ai massimi storici.

    E quando la penetrazione è al top, una strategia potrebbe essere quella di aumentare la frequenza di acquisto, avviando ad esempio il processo di "snackizzazione" offrendo confezioni particolarmente piccole e confezioni che si caratterizzano per particolari forme (tubolari, allungate, appuntite, ecc.) o per nuove sensazioni gustative (al sapore di caramello, di ciliegia, di frutta tropicale, ecc.).

     Leggi la prima parte di questo articolo cliccando qui

     Leggi la terza parte di questo articolo cliccando qui

     

    Autori: Michele Dall'Olio: Fresh4cast - Londra (UK) e

    Domenico Zagaria: Agrimeca Grape and Fruit Consulting - Turi (BA)

    copyright: uvadatavola.com

    Sfoglia le riviste

    News Agricoltura

    • Coldiretti. Venerdì 27 a Bari il primo Open Day dell'agricoltura  Avvenire.itVIDEO | Dagli agriasilo ai droni: l'Open Day Coldiretti racconta i ...  FoggiaTodayPagamenti dei contributi in agricoltura, Coldiretti: "Verso la ...  Giornale di SiciliaFull coverage

      Leggi l'articolo
    • Erogazioni in agricoltura: incontro presso Agea  Oltre Free PressCia Puglia: parte da Bitonto la 'marcia' dei 20mila verso l'agricoltura ...  BitontoVivaCia Puglia, la "marcia" dei 20mila: "L'obiettivo? Un'agricoltura giovane"  AndriaVivaFull coverage

      Leggi l'articolo
    • Agricoltura: intesa Confagricoltura-Eps  ANSA.itFull coverage

      Leggi l'articolo

    News Ortofrutta

    • L'ortofrutta va come un treno  Italia OggiL'export di ortofrutta italiana tocca quota 4,9 mld di euro  DM - Distribuzione ModernaIl bilancio della Camera di Commercio: performance positive per l ...  LatinaTodayFull coverage

      Leggi l'articolo
    • A MACFRUT CONVEGNO SU COME VENDERE ORTOFRUTTA ...  Corriere Ortofrutticolo (Comunicati Stampa)Anche i fruttivendoli protagonisti a Macfrut  Myfruit.itFull coverage

      Leggi l'articolo
    • Ortofrutta, l'innovazione e la competitività per Fruitimprese  AgronotizieFull coverage

      Leggi l'articolo

    © Fruit Communication Srl.
    Tutti i diritti riservati.

    Powered by Nealogic

    Iscrizione al Registro della Stampa presso il Tribunale di Bari n° 723/12 del 22/03/12

    Fruit Communication Srl | Sede legale Via Noicàttaro nc - Rutigliano (BA) | Partita IVA 07969090724

    Alcuni contenuti pubblicati possono essere rielaborati da feed rss forniti pubblicamente da altri siti. Alcune foto potrebbero essere prese dal web e ritenute di dominio pubblico. I proprietari contrari alla pubblicazione possono contattare la redazione scrivendo a info@uvadatavola.com e chiederne la rimozione.

    Cerca