Lunedì, 11 Dicembre 2017

Prezzi e mercati

Uva egiziana in Europa con più facilità

05 Dicembre 2017

L'Unione europea si è dichiarata favorevole a rimuovere l'uva da tavola egiziana dal'elenco dei cibi che, se importati, sono soggetti a elevati controlli fitosanitari.

Ad annunciare la notizia sulle pagine del quotidiano arabo Ahram è stato il ministro dell'Agricoltura egiziano, Abdel-Moneim El-Banna.

Il Comitato permanente della Commissione europea per le piante, gli animali, l'alimentazione e i mangimi, durante gli incontri tenutisi a Bruxelles dall'8 al 10 novembre, si è espresso acconsentendo alla modifica.

La decisione è stata la naturale conseguenza della nuova politica che il ministero dell'Agricoltura ha messo in atto. Infatti solo le aziende agricole egiziane registrate sono ora autorizzate a esportare uva.

La decisione attende ancora le conferme ufficiali perché la commissione permanente esprime solo "pareri" sui progetti se si pensa di adottare.

L'attuale protocollo vigente sull'uva egiziana richiede una serie di controlli pari al 20% in più rispetto alla merce importata da altre Nazioni.

Dal 2012 l'uva egiziana compariva nell'elenco dei prodotti alimentari soggetti a maggiori controlli a causa dell'utilizzo, da parte dei produttori locali, di fitofarmaci non consentiti nell'Unione Europea.

Anche il Bahrein, il Kuwait e gli Emirati Arabi Uniti, durante lo scorso mese, hanno deciso di revocare il divieto alle importazioni di alcuni prodotti agricoli egiziani.

 

Traduzione a cura di uvatavola.com. Tutti i diritti riservati.

Questo sito utilizza i cookie per le sue funzionalità tecniche e di profilazione. Chiudendo questo banner e proseguendo con la navigazione acconsenti al loro impiego; in alternativa è possibile personalizzare la loro configurazione.
Per avere ulteriori informazioni, consulta la nostra cookie policy.