Sabato, 16 Dicembre 2017

Ricerca e innovazione

Raggi gamma contro la botrite

03 Agosto 2017

L'irraggiamento delle uve in post-raccolta ha ridotto l'insorgenza della muffa grigia.

Sulla rivista scientifica "South African Journal of Enology & Viticulture" è stato pubblicato uno studio che ha visto l'uso di raggi gamma per contrastare l'insorgere di Botrytis cinerea.

I raggi gamma sono stati utilizzati in post raccolta e i box di uva sono stati, successivamente, refrigerati. I ricercatori sudafricani P.J. de Kock e
G. Holz hanno lavorato con uve confezionate in box ventilati di cartone ondulato, contenitori comunemente utilizzati per esportare il prodotto proveniente dalle zone sudafricane di Paarl e di Hex River Valley.

Per lo studio sono stati utilizzati gli stessi cartoni ondulati. I cartoni sono stati irradiati a 0-1,5- 2,0 e 3,0 kGy. Dopo l'irradiazione le uve sono state mantenute per 4 settimane a -0,5°C, successivamente sono state conservate un'altra settimana a 10° C.

I migliori risultati si sono riscontrati su trattamenti effettuati subito dopo il taglio. Irraggiamenti a 1,5; 2,0 e 3,0 kGy hanno ridotto l'effetto di muffa grigia sulle uve della varietà Barlinka, immagazzinate senza anidride solforosa.

L'irradiazione delle uve Waltham Cross e Barlinka ad una dose di 2,0 kGy, combinata con trattamenti ridotti SO2, ha dato altrettanti risultati positivi.

Il processo non ha determinato effetti negativi su altri aspetti qualitativi.

 

Autore: La Redazione

Traduzione e adattamento a cura di uvadatavola.com. Tutti i diritti riservati

Questo sito utilizza i cookie per le sue funzionalità tecniche e di profilazione. Chiudendo questo banner e proseguendo con la navigazione acconsenti al loro impiego; in alternativa è possibile personalizzare la loro configurazione.
Per avere ulteriori informazioni, consulta la nostra cookie policy.