Giovedì, 23 Novembre 2017


Prezzi e mercati

Uva da tavola italiana: nel 2016 l'export segna +2.7%

17 Maggio 2017

A partire dal mese di giugno 2016, l'indice dei prezzi di Ismea mostra una ripresa delle quotazioni su base annua. La tendenza positiva è da ricondurre prevalentemente all’andamento di mercato del kiwi Hayward e di alcune varietà di mele e pere.

Questi frutti hanno registrato prezzi all’origine superiori rispetto all’anno precedente.

L’ultimo dato, relativo al mese di aprile 2017 evidenzia una diminuzione dell’indice dei prezzi, sia su base mensile sia annua, a causa del raffreddamento dei listini medi all’origine ed in particolare di quelli di fragole e mele. Di contro, meloni, pere e kiwi hanno registrato incrementi su base tendenziale.

Per quanto riguarda le uve da tavola è possibile tracciare un primo consuntivo delle esportazioni della campagna 2016.

I dati Istat evidenziano come le spedizioni di uve da tavola sono ammontate a circa 475mila tonnellate con un aumento del 2,7% rispetto al 2015.


In particolare, si tratta dei volumi più elevati registrati nell’ultimo triennio.

Gli incassi relativi alle spedizioni hanno raggiunto il valore record di 660 milioni di euro, +3,7% su base annua, anche grazie ad un piccolo apprezzamento dei listini medi (+1%).

I mercati europei
si confermano i principali sbocchi delle uve italiane, mentre le spedizioni verso i Paesi extra Ue hanno segnato una battuta d’arresto sia in quantità (-3%) sia in valore (-6%).

I primi tre mercati si confermano Germania, Francia e Svizzera. Nel 2016 tutti e tre questi Paesi hanno mostrato incrementi sia in termini di volumi sia di valore. Al quarto posto troviamo la Spagna che registra una flessione delle importazioni di uve italiane.  

Tra gli sbocchi extra Ue, oltre alla Svizzera, si segnalano gli Emirati Arabi Uniti all’ottavo posto e l’Arabia Saudita in dodicesima posizione, ma entrambi questi paesi hanno evidenziato brusco calo delle importazioni di uve italiane.

 

Fonte: Ismea

Questo sito utilizza i cookie per le sue funzionalità tecniche e di profilazione. Chiudendo questo banner e proseguendo con la navigazione acconsenti al loro impiego; in alternativa è possibile personalizzare la loro configurazione.
Per avere ulteriori informazioni, consulta la nostra cookie policy.