Agricoli extracomunitari, overbooking in Puglia

Una forza vitale che sostiene l’industria agricola: questo il quadro che emerge in Puglia, dopo il click day organizzato per rispondere alla richiesta di manodopera nei campi

da uvadatavoladmin

Un overbooking massiccio che riflette la crescente domanda di manodopera nel settore agricolo: è quanto emerso dopo il recente click day per i lavoratori agricoli extracomunitari in Puglia.

I lavoratori extracomunitari sono diventati indispensabili per l’agricoltura pugliese, una regione famosa per il suo contributo significativo al “Made in Italy” a tavola. Lo confermano le domande presentate a partire dalle ore 9.00 di martedì 12 dicembre 2023 in riferimento all’arrivo in Italia di 82550 lavoratori stagionali extracomunitari previsti dal nuovo Dpcm triennale del 27 settembre 2023 di programmazione transitoria dei flussi 2023-2025, con i lavoratori extracomunitari in Puglia che sono pari al 10% sul totale nazionale.

Il click day, organizzato per rispondere alla richiesta di manodopera nei campi e nelle stalle, ha visto una partecipazione straordinaria. Per la Puglia, in modo particolare, sono 22.314 i lavoratori provenienti da diverse parti del mondo che hanno trovato regolarmente occupazione in agricoltura, andando a costituire quasi un terzo della produzione agricola regionale.

lavoratori agricoli extracomunitari click day

Sulla questione è intervenuta anche Coldiretti Puglia che ha infatti colto l’occasione per sottolineare l’importanza di questi lavoratori, tasselli fondamentali nell’economia locale.

Questi lavoratori agricoli extracomunitari in Puglia non sono solo numeri: rappresentano una forza vitale che sostiene l’industria agricola.

Si tratta del 23,6% degli occupati nel settore agricolo in Puglia, contro il 7,8% degli italiani. Si occupano di colture diverse: dalla frutta alla viticoltura, dalle verdure alle colture orticole. La loro presenza è particolarmente rilevante nelle coltivazioni arboree, dove rappresentano più della metà della forza lavoro.

In tal senso, la grande richiesta registrata durante il click day riporta a una sfida da fronteggiare quanto prima: la scarsità di manodopera italiana nel settore agricolo. Una situazione che ha spinto le aziende agricole a dipendere sempre più dai lavoratori extracomunitari e per la quale – come sottolineato da Coldiretti – è necessaria una gestione più efficiente.

Non solo per superare il problema italiano della forza lavoro impiegata, ma anche per garantire prosperità e la sostenibilità del settore agricolo regionale e nazionale.

 

Ilaria De Marinis
©uvadatavola.com

 

Articoli Correlati