Bando Inail: 45 milioni per macchine agricole e sicurezza

da Redazione uvadatavola.com

Il bando Isi Agricoltura 2016 destina fondi alle micro e piccole imprese che vogliono investire nell’acquisto o noleggio con patto di acquisto di trattori e/o macchine agricole.

Inoltre punta anche all’aumento delle condizioni di sicurezza di chi lavora nel settore agricolo, un settore che da sempre vede un rischio infortuni elevato. Ma è un settore che sta facendo emergere anche nuove figure professionali, come l’ecoauditor e lo zoonomo. 

Come disposto dall’ultima legge di stabilità (208/2015), presso l’Inail è stato istituito un fondo la cui dotazione è pari per il 2016 a 45 milioni di euro – 25 milioni messi a disposizione dall’Istituto e i restanti 20 dal Ministero del Lavoro – e sarà di 35 milioni all’anno a decorrere dal 2017.

Questo fondo serve a sostenere micro e piccole imprese devono rinnovare i loro strumenti, come trattori e macchine agricole, scegliendo soluzioni innovative che riducano il livello di rumorosità e il rischio di infortuni degli operai che svolgono le operazioni manuali. Un altro obiettivo che devono soddisfare i nuovi investimenti è l’abbattimento delle emissioni inquinanti al fine di migliorare la sostenibilità globale dell’azienda. A questo fine si può puntare sulla riduzione dei costi di produzione o sulla riconversione di alcune produzioni.

Possono accedere agli incentivi le imprese individuali, le società agricole e le società cooperative operanti nel settore della produzione primaria dei prodotti agricoli.

Scadenza e procedura
Le imprese interessate hanno tempo fino al 20 gennaio per inserire sul portale dell’Inail, nella sezione “accedi ai servizi online”, il progetto per il quale viene richiesto il finanziamento. A partire dal primo febbraio, le imprese i cui progetti hanno raggiunto i criteri di ammissibilità previsti dal bando, potranno scaricare il codice identificativo che dovranno utilizzare nel click day, il giorno dedicato all’inoltro telematico, che sarà reso noto sul portale Inail a partire dal 30 marzo 2017.

Gli incentivi saranno suddivisi in budget regionali e provinciali e saranno assegnati tenendo conto dell’ordine cronologico di presentazione delle domande. Verranno ripartiti in due assi di intervento: il primo, che prevede uno stanziamento di cinque milioni di euro, è riservato ai giovani agricoltori, organizzati anche in forma societaria, mentre il secondo, che prevede lo stanziamento dei restanti 40 milioni di euro, è destinato a tutte le imprese agricole. Ogni azienda potrà presentare una sola domanda e per uno solo dei due assi di finanziamento previsti.

 

Fonte: ecoseven.net

Articoli Correlati