Categorie

    Lunedì, 30 Aprile 2018 10:35

    Corsa alla terra per 30mila giovani in Italia

    Sono 30mila i giovani che tra il 2016 ed il 2017 hanno presentato domanda per l'insediamento in agricoltura, con ben il 61% concentrato al Sud e nelle Isole, il 19% al Centro ed il resto al Nord.

    I dati, contenuti nello studio 'Ritorno alla Terra', sono stati presentati all'apertura del primo 'Open Day dell'agricoltura' italiana, organizzato dalla Coldiretti sul lungomare di Bari. "Giovani generazioni, istruite e con voglia di fare tanto, danno vita al ritorno epocale del mestiere della terra" ha commentato il presidente della Confederazione agricola, Roberto Moncalvo, riferendosi alle domande presentate da giovani agricoltori per il primo insediamento che hanno superato del 44% il totale previsto per l'intera programmazione europea fino al 2020.

    Secondo i dati regionali dei Piani di sviluppo rurale (Psr), elaborati da Coldiretti, in testa c'è la Sicilia con 4700 domande, seguita da Puglia (4540), Toscana (2763), Sardegna (2.707) e Calabria (2.110) nelle prime cinque posizioni.

    A sostenere con Moncalvo che "il mestiere della terra non è più considerato l'ultima spiaggia di chi non ha un'istruzione e ha paura di aprirsi al mondo" sono poi stati anche i tanti giovani agricoltori che hanno partecipato al "Villaggio della Coldiretti"che, sino a ieri (domenica 29 aprile), hanno dato vita al percorso di un chilometro all'interno del quale è stato possibile incontrare aziende, trattori, agrichef, orti, fattorie didattiche, animali e villaggio delle idee.

    Tra le cose da sapere, come spiegato nel "percorso in 10 mosse per avere successo nei campi" diffuso dai giovani della Coldiretti nell'occasione, il primo passo è avere un'idea d'impresa ben chiara, poi studiare territorio, mercati e normative, progettare un business plan, disegnare una mappa delle fonti di finanziamento, verificando le possibilità di accesso alle risorse per presentare il progetto e realizzarlo.

    Fra gli ostacoli maggiori - secondo la Coldiretti - il costo elevato della terra, con quella arabile che in Italia è la più cara d'Europa avendo un prezzo medio di 40.153 euro all'ettaro.

     

    Fonte: Ansa

    Sfoglia la rivista

    © Fruit Communication Srl
    Tutti i diritti riservati

    Iscrizione al Registro della Stampa presso il Tribunale di Bari n° 723/12 del 22/03/12

    Fruit Communication Srl | Sede legale Via Noicàttaro nc - Rutigliano (BA) | Partita IVA 07969090724

    Alcuni contenuti pubblicati possono essere rielaborati da feed rss forniti pubblicamente da altri siti. Alcune foto potrebbero essere prese dal web e ritenute di dominio pubblico. I proprietari contrari alla pubblicazione possono contattare la redazione scrivendo a info@uvadatavola.com e chiederne la rimozione.

    Cerca