Mercoledì, 16 Maggio 2018 10:20

    Uva da tavola sempre più richiesta in biologico: il Sudafrica ci pensa

    Negli ultimi anni il Sudafrica è rimasto indietro in termini di sostenibilità, la quota di produzioni condotte in biologico in questo Stato è pari allo 0,05%.

    "Con la coltivazione convenzionale si incontrano sempre più problemi -afferma il viticoltore suafricano Easton Marsh, di Lushof- La siccità peggiora di anno in anno e il consumatore è sempre più attento alle sue scelte".

    Volkert Engelsman, CEO di Eosta, uno dei principali importatori e distributori europei di frutta e verdura biologica, afferma che il mercato biologico può assorbire ancora offerta: "Il fatturato totale delle uve biologiche in Europa aumenta di due cifre ogni anno e c'è carenza di offerta. Lavoriamo al momento solo con quattro produttori sudafricani, ma c'è spazio per altro".

    Nuove varietà di uva
    Uno degli ostacoli per la conversione alla coltivazione in bio è legato al fatto che le varietà di uve convenzionali non sono adatte alla coltivazione biologica. La Thompson Seedless, ad esempio, richiede un continuo monitoraggio per aumentare la dimensione delle bacche, assottigliare il grappolo, ottenere una buona colorazione e non solo.

    Società di breeding come SNFL e Sun World, tuttavia, si stanno impegnando a realizzare nuove varietà di uva da tavola appositamente sviluppate per la conduzione in biologico.

    Tecniche di conduzione in bio contro la siccità
    L'aumento della siccità è un'altra ragione per cui i coltivatori considerano la conversione a metodi biologici. Quest'anno il Western Cape ha sofferto di una siccità che ha minacciato di esaurire l'approvvigionamento idrico totale di Cape Town. I volumi di uva sono diminuiti del 15% e la maggior parte dei produttori ha esaurito le riserve idriche.

    Eddie Redelinghuys, pioniere della coltivazione di uva in bio dal 1997, nonostante la siccità ha ancora abbastanza acqua per il prossimo anno: "La coltivazione in bio aiuta a far fronte alla mancanza d'acqua. Con la coltivazione convenzionale il terreno non riesce più a trattenere l'umidità. Come coltivatore biologico, lavoro con il compost. Di conseguenza, la capacità di trattenere l'acqua è molto più alta; si può risparmiare fino al 60% dell'acqua. Se tutto il Capo Occidentale fosse coltivato in biologico, risparmieremmo almeno 22 miliardi di litri d'acqua all'anno".

    Il suolo è il segreto
    Tobias Bandel, della società di consulenza Soil & More Impacts, ha sottolineato che un terreno vivo ha anche molti altri vantaggi. "Prendendoti cura del suolo, si giunge al nòcciolo del problema. La pianta ha una resistenza maggiore alle problematiche fitosanitarie, alle malattie. Inoltre si favorisce l'approvvigionamento del carbonio nel suolo. "

     

    Traduzione e adattamento dei testi a cura di uvadatavola.com. Tutti i diritti riservati. 

    Sfoglia l'anteprima

    CorsoIrrigazione

    News Agricoltura

    • Fondi per l'agricoltura e lotta alla cimice asiatica: summit in Regione  SulPanaro

      Read more...
    • Agricoltura, primato della Sicilia per numero di giovani under 35 titolari di aziende  Nebrodi News

      Read more...
    • Agricoltura: Coldiretti, mercoledì 29 gennaio trattori in piazza contro la cimice killer  Servizio Informazione Religiosa

      Read more...

    News Ortofrutta

    • Tidei (Iv): "Bene sentenza Tar su ortofrutta, ora avanti con più decisione"  Centumcellae News

      Read more...
    • Finanziamenti europei 2020: 7 milioni di euro per l'ortofrutta lucana  La Gazzetta della Val d'Agri

      Read more...
    • L’ortofrutta certificata entra nel carrello della spesa  La Repubblica

      Read more...

    © Fruit Communication Srl
    Tutti i diritti riservati

    Iscrizione al Registro della Stampa presso il Tribunale di Bari n° 723/12 del 22/03/12

    Fruit Communication Srl | Sede legale Via Noicàttaro nc - Rutigliano (BA) | Partita IVA 07969090724

    Alcuni contenuti pubblicati possono essere rielaborati da feed rss forniti pubblicamente da altri siti. Alcune foto potrebbero essere prese dal web e ritenute di dominio pubblico. I proprietari contrari alla pubblicazione possono contattare la redazione scrivendo a info@uvadatavola.com e chiederne la rimozione.

    Cerca