Categorie

    Venerdì, 12 Ottobre 2018 17:19

    Uva australiana, +30% di export in Giappone

    Le esportazioni australiane di uva da tavola in Giappone sono aumentate del 30% in un anno nel corso dell'ultima stagione.

    L'amministratore delegato dell' Australian Table Grape Association, Jeff Scott, ha precisato che 10.882 tonnellate sono state spedite in Giappone quest'anno, e che queste rappresentano quasi il 10% di tutte le vendite offshore.

    La crescente domanda nipponica è il risultato di precise azioni di marketing svolte in Giappone e Corea dagli amministratori australiani prima dell'inizio della stagione e durante il mese di gennaio.

    "Abbiamo lavorato molto in Giappone per conquistare nuove quote di mercato - ha chiarito Scott -. Lì i consumatori sono molto esigenti, apprezzano il prodotto di qualità e sono disposti a pagarlo. La Corea è un altro mercato su cui abbiamo lavorato e verso il quale le esportazioni sono aumentate in modo significativo ".

    La Cina al momento rimane comunque il maggiore mercato di esportazione per l'uva da tavola australiana, con 41.668 milioni di tonnellate, pari al 38%, mentre l'Indonesia è al secondo posto, con quasi il 15%, ovvero 16.149 tonnellate.

    Scott ha infine  affermato che negli ultimi cinque anni si è registrato un trend annuale dell'8% di crescita verso tutti i mercati di esportazione.

     

    Traduzione e adattamento dei testi a cura di uvadatavola.com. Tutti i diritti riservati

    Sfoglia la rivista

    © Fruit Communication Srl
    Tutti i diritti riservati

    Iscrizione al Registro della Stampa presso il Tribunale di Bari n° 723/12 del 22/03/12

    Fruit Communication Srl | Sede legale Via Noicàttaro nc - Rutigliano (BA) | Partita IVA 07969090724

    Alcuni contenuti pubblicati possono essere rielaborati da feed rss forniti pubblicamente da altri siti. Alcune foto potrebbero essere prese dal web e ritenute di dominio pubblico. I proprietari contrari alla pubblicazione possono contattare la redazione scrivendo a info@uvadatavola.com e chiederne la rimozione.

    Cerca