Martedì, 06 Novembre 2018 11:52

    Non coltiviamo abbastanza frutta e verdura per permettere a tutti una dieta equilibrata

    Secondo un recente studio, condotto di un gruppo di ricercatori dell'università di Guelph (Canada), pubblicato su PLOS One, vi sarebbe una profonda discrepanza tra la produzione agricola globale e la potenziale richiesta di alcuni beni raccomandati dai nutrizionisti per una dieta corretta.

    Evan Fraser, uno dei ricercatori, spiega che «l'attuale sistema agricolo globale non permette a tutti di adottare una dieta sana, in quanto si ha una sovrapproduzione di cereali, grassi e zuccheri, mentre scarseggia di frutta e verdura e, in minor misura, anche di proteine».

    I CONTI DEL GEOMETRA
    Tra le altre cose, lo studio calcola il numero di porzioni per persona disponibili sul pianeta per ciascun gruppo alimentare, sulla base delle raccomandazioni alimentari della Healthy Eating Plate, dell'università di Harvard (Usa), sulla quale si legge che metà della dieta di ogni persona dovrebbe essere composta da frutta e verdura, il 25 per cento da cereali integrali e il restante 25 per cento da proteine, grassi e prodotti lattiero-caseari.

    Lo studio fa una stima della superficie globale attualmente riservata all'agricoltura, e della superficie globale necessaria se tutti seguissero le raccomandazioni nutrizionali. Il tutto è stato proiettato al 2050, quando la popolazione mondiale raggiungerà i 9,8 miliardi di persone.

    Al momento, questa è la situazione: ogni giorno si rendono disponibili

    • 12 porzioni di cereali per persona, rispetto alle 8 consigliate
    • 5 porzioni di frutta e verdura, anziché 15
    • 3 porzioni di olio e grasso, anziché 1
    • 3 porzioni di proteine, anziché 5
    • 4 porzioni di zucchero, anziché 0 (zero)

    Occhio che per porzioni, in dietologia, si intendono quantità specifiche che variano da alimento ad alimento. Per esempio: una fetta di pane corrisponde a una porzione di cereali, 75 grammi di carne corrispondono a una porzione di proteine, e così via.

    Sottolinea Fraser: «Quello che stiamo producendo a livello globale non è quello che dovremmo produrre secondo i nutrizionisti e questo è dovuto soprattutto al fatto che i carboidrati sono relativamente semplici da produrre e possono nutrire molte persone e questo fa sì che i Paesi in via di sviluppo si concentrino soprattutto su di essi».

    D'altra parte i Paesi più sviluppati hanno da decenni sovvenzionano le produzioni nazionali di grano e mais, mentre hanno speso molto poco per l'innovazione delle colture a frutta e verdura. «Anche i grassi, lo zucchero e il sale, essendo gustosi, sono molto richiesti, così che l'offerta è aumentata nel tempo, ancora una volta a scapito di frutta e verdura», aggiunge il ricercatore.

    I ricercatori sottolineano come sia assolutamente necessaria una svolta rispetto alla situazione attuale: «Se si spostassero le produzioni adeguandosi alle linee guida alimentari dietetiche - spiega Fraser - non solo si vivrebbe meglio, ma sarebbero necessari 50 milioni di ettari in meno di terra arabile, perché frutta e verdura richiedono meno terra da coltivare rispetto a cereali, zuccheri e grassi». Senza alcun cambiamento, per nutrire 9,8 miliardi di persone serviranno 12 milioni di ettari in più di terra arabile e almeno un miliardo di ettari in più di pascoli, e tra desertificazione e cambiamenti climatici è difficile immaginare da dove si potrebbe recuperare tutta questa terra - se non abbattendo foreste.

     

    Fonte: Focus.it

    Sfoglia l'anteprima

    News Agricoltura

    • Nuove tecnologie e digitalizzazione in agricoltura: un aspetto cruciale per il raggiungimento degli obiettivi della PAC  RuminantiaNuove tecnologie e digitalizzazione in agricoltura: un aspetto cruciale per il raggiungimento degli obiettivi della PAC. La Commissione europea invita gli Stati ...

      Leggi l'articolo
    • Pian di Spagna, l'invasione dei cervi «Stanno distruggendo l'agricoltura»  La Provincia di ComoCi sono oltre 200 capi nella Riserva: «E gli enti pubblici si scaricano le competenze». C'è anche grande preoccupazione per le malattie che possono essere ...

      Leggi l'articolo
    • Regime di esonero Iva in agricoltura e fatturazione elettronica  Euroconference NEWSL'articolo 34, comma 6, D.P.R. 633/1972 disciplina, in via generale e salva diversa opzione esercitata dai soggetti interessati, uno speciale regime di esonero ...

      Leggi l'articolo

    News Ortofrutta

    • Ortofrutta in Gdo, ad aprile dati anomali  Italiafruit NewsAd aprile il reparto ortofrutta della Gdo inverte l'andamento rispetto ai mesi precedenti con un aumento di 3 punti nei volumi e una conferma della spesa ...

      Leggi l'articolo
    • Dieci imprenditori dell'ortofrutta allo specchio. Il ritratto di Roberto Faben  Myfruit.itAl FICO di Bologna la presentazione del libro “Protagonisti italiani dell'ortofrutta”. Tante storie di famiglie e imprenditori che svolgono un ruolo fondamentale ...

      Leggi l'articolo
    • Pedon, rivoluzione legumi nel reparto ortofrutta  Italiafruit NewsUn nuovo progetto di marca, un'immagine rinnovata e un impegno che continua nel dare servizio al consumatore con una proposta innovativa e all'insegna del ...

      Leggi l'articolo

    © Fruit Communication Srl.
    Tutti i diritti riservati.

    Powered by Nealogic

    Iscrizione al Registro della Stampa presso il Tribunale di Bari n° 723/12 del 22/03/12

    Fruit Communication Srl | Sede legale Via Noicàttaro nc - Rutigliano (BA) | Partita IVA 07969090724

    Alcuni contenuti pubblicati possono essere rielaborati da feed rss forniti pubblicamente da altri siti. Alcune foto potrebbero essere prese dal web e ritenute di dominio pubblico. I proprietari contrari alla pubblicazione possono contattare la redazione scrivendo a info@uvadatavola.com e chiederne la rimozione.

    Cerca