Martedì, 19 Febbraio 2019 12:57

    Gli effetti dell'ammendante organico sulle caratteristiche quali-quantitative dell’uva da tavola

    Quali effetti può avere l’utilizzo di un ammendante organico sulle caratteristiche quali-quantitative dell’uva da tavola?

    Questa è la domanda alla quale si sta cercando di rispondere attraverso uno studio specifico condotto dall’azienda Tersan Puglia spa con l’azienda agricola Racemus di Teresa Diomede per testare gli effetti della fertilizzazione con Bio Vegetal, ammendante compostato misto, utilizzabile in agricoltura convenzionale e biologica, prodotto da Tersan Puglia.

    I risultati sono stati presentati dal dott. Luigi Tarricone, coordinatore del gruppo di ricercatori del CREA Centro Ricerca Viticoltura ed Enologia, agli imprenditori in un incontro al quale hanno partecipato l’amministratore delegato di Tersan Puglia, Leonardo Delle Foglie, la titolare di Racemus, Teresa Diomede e il team di ricerca e agronomia di Tersan guidato dal dott. Antonio Monteforte.

    La ricerca si inserisce nel più ampio contesto di azione delle due aziende per rispondere all’esigenza di utilizzare approcci agronomici sostenibili, rispettosi dell’ambiente senza deprimere la capacità produttiva del suolo agrario. Per questo ci si è concentrati sulla caratterizzazione dell’uva da tavola in relazione a diversi tipi di concimazione.


    La sperimentazione è stata condotta in agro di Casamassima (Ba) su un vigneto di uva da tavola cultivar Italia dell’azienda agricola Racemus. Lo studio ha messo a confronto quattro tesi: suolo non concimato, sovescio, apporto di Bio Vegetal e suolo concimato con fertilizzanti minerali semplici. I rilievi sperimentali hanno riguardato:

    • caratterizzazione del microclima della chioma
    • valutazione dello stato nutrizionale fogliare
    • valutazione dello stato fisiologico delle viti
    • aspetti quali-quantitativi delle produzioni ottenute
    • valutazione delle variazioni del microbioma tellurico nel suolo a seguito dei diversi trattamenti.

    Gli effetti positivi dell'ammendante compostato misto Bio Vegetal sull'uva da tavola

    I risultati preliminari, al termine del primo anno di ricerca, hanno evidenziato l’effetto positivo del trattamento con Bio Vegetal sulle caratteristiche carpometriche (produzione per grappolo, peso grappolo e peso acino), sul livello di maturazione delle uve, sui parametri fisici dell’acino (in particolare per resistenza al distacco e resistenza allo schiacciamento) ed infine sulla colorazione della buccia, rispetto alle altre tesi poste a confronto.

    I primi risultati hanno soddisfatto molto l’amministratore delegato di Tersan Puglia, Leonardo Delle Foglie: “Si tratta di una ricerca alla quale ci stiamo dedicando con passione, con tutto il team sia esterno sia interno, e con Teresa Diomede. In tempi in cui preservare l’ambiente è una priorità avremmo considerato come ottimi anche risultati meno entusiasmanti. Verificare gli effetti positivi su molti aspetti della produzione viticola ci riempie di orgoglio e dà una base rigorosa a ciò che in molti casi avevamo verificato empiricamente. La ricerca proseguirà nella valutazione degli indici già studiati e valuterà anche aspetti organolettici e nutraceutici dell’uva ottenuta”.

     

    Fonte: Ufficio Stampa e Comunicazione
    Tersan Puglia S.p.a.

    Sfoglia l'anteprima

    News Agricoltura

    • Italia ancora indietro nell'innovazione in agricoltura  Il Sole 24 OREIn Europa, nell'innovazione agricola, la leadership è dei Paesi Bassi, seguiti da Belgio, Germania e Danimarca. Mentre l'Italia si colloca soltanto a metà ...

      Leggi l'articolo
    • Agricoltura, Fedragri Confcooperative Toscana: "Intesa con Centinaio sulla difesa del Made in Italy"  gonewsAbbiamo trovato ascolto e attenzione” così Ritano Baragli, vicepresidente di Fedagri Confcooperative Toscana e presidente della Cantina Sociale Colli Fior.

      Leggi l'articolo
    • Agricoltura sostenibile: “Italia lontana dall’efficienza”  Meteo WebSi è concluso con un appello al Governo perché la "ricerca scientifica italiana sulle biotecnologie verdi possa esser sperimentata in campo aperto"

      Leggi l'articolo

    News Ortofrutta

    • Ortofrutta, un 2018 negativo per l'export made in Italy  AgronotizieI dati di Fruitimprese parlano chiaro: crolla la frutta fresca con un calo di 400mila tonnellate nelle quantità commercializzate. Unica nota positiva gli agrumi, ...

      Leggi l'articolo
    • Wefrood, nasce l'app che consente di recensire l'ortofrutta - Terra & Gusto  Agenzia ANSACon l'obiettivo di favorire l'incontro tra chi vende e chi consuma ortofrutta nasce "Wefrood", piattaforma web e app con un sistema di funzionamento che ...

      Leggi l'articolo
    • Ortofrutta, export in crisi. Fruitimprese: "Nel 2018 perse oltre 400 mila tons"  Fruitbook MagazineTutte negative le voci dell'export ortofrutticolo italiano, che perde 446 mila di tonnellate di prodotto (-11,2%) e si ferma in valore appena sotto 4,6 miliardi (-6,3%) ...

      Leggi l'articolo

    © Fruit Communication Srl.
    Tutti i diritti riservati.

    Powered by Nealogic

    Iscrizione al Registro della Stampa presso il Tribunale di Bari n° 723/12 del 22/03/12

    Fruit Communication Srl | Sede legale Via Noicàttaro nc - Rutigliano (BA) | Partita IVA 07969090724

    Alcuni contenuti pubblicati possono essere rielaborati da feed rss forniti pubblicamente da altri siti. Alcune foto potrebbero essere prese dal web e ritenute di dominio pubblico. I proprietari contrari alla pubblicazione possono contattare la redazione scrivendo a info@uvadatavola.com e chiederne la rimozione.

    Cerca