Martedì, 26 Febbraio 2019 14:46

    Sostanze di base: cosa sono e come si impiegano in agricoltura? - SPECIALE GRAPER TALKS

    Cosa sono le sostanze di base e come possono essere impiegate in agricoltura?

    Uvadatavola.com lo ha chiesto ad Orazio Mancino, responsabile del centro di saggio Sele Agroresearch Srl, che ha tenuto un intervento su questa tematica durante Graper Talks. 

    Le sostanze di base sono, in generale, i principi attivi estratti da alcuni prodotti e stabilizzati. Questi non sono utilizzati principalmente come prodotti fitosanitari, ma possono essere utili per la protezione delle piante. Nella lista delle sostanze autorizzate come SdB ritroviamo ad esempio: il siero del latte, la birra, il chitosano, il bicarbonato, l’aceto, l’ortica e l’equiseto.

    Studi tossicologici effettuati dall'EFSA hanno accertato che è possibile utilizzare le sostanze di base in agricoltura, per il contenimento di patologie o di insetti.

    Secondo Orazio Mancino le sostanze di base, molto diffuse nel resto dell’Unione Europea, rappresentano una grande opportunità per l'agricoltura Italiana, sia biologica che integrata.

     

    È doveroso sottolineare che soltanto le sostanze di base di origine vegetale o animale e coperte dalla definizione "prodotti alimentari" possono essere utilizzate in biologico (clicca qui per approfondire la questione).

    “Oggi le SdB autorizzate in agricoltura sono complessivamente 20 - Esordisce Mancino - ma si prevede che nel 2020 ne saranno 50. Bisogna però fare una precisazione, questi prodotti devono essete utilizzati con cura, infatti hanno un'etichetta sulla quale è illustrata la coltura, il dosaggio e per quali patologie possono essere impiegati. Si può anche decidere di utilizzare le sostanze di base in sinergia con presidi sanitari. Si otterrà così una strategia di difesa a residuo zero oppure un numero di principi attivi/percentuali inferiori al limite del residuo ammesso sulla coltura”.

    Abbiamo poi chiesto al ricercatore i punti di forza di questi prodotti: "Si tratta di sostanze facilmente accessibili per l'agricoltore, infatti non è necessario il patentino per poterle acquistare. Sono sicure, perché utilizzate in precedenza anche in campo alimentare, nella cosmesi e nella farmacopea e non è obbligatoria la loro registrazione sul quaderno di campagna".

    "In futuro - Conclude Orazio Mancino -  sempre più aziende lavoreranno per registrare nuove sostanze di base ed estendere l’etichetta per i prodotti che sono già sul mercato".

     

    Autore: Teresa Manuzzi
    Copyright: uvadatavola.com

    Sfoglia l'anteprima

    CorsoIrrigazione

    News Agricoltura

    • Agricoltura e inquinamento, una fake news che ci tiene lontani dalla realtà  La Voce di Mantova

      Leggi l'articolo
    • L’assessorato all’Agricoltura nella bufera delle Primarie  La Gazzetta del Mezzogiorno

      Leggi l'articolo
    • Agricoltura e fake news, la Coldiretti mette in guardia i consumatori  La Gazzetta di Mantova

      Leggi l'articolo

    News Ortofrutta

    • Il Car porta l'ortofrutta nella sede della Fao  Italiafruit News

      Leggi l'articolo
    • MARCA FRESH, LA PRIMA EDIZIONE DEL FORMAT DEDICATO ALL'ORTOFRUTTA È GIÀ DA TUTTO ESAURITO  Corriere Ortofrutticolo

      Leggi l'articolo
    • Ortofrutta, grazie al digitale produttori e consumatori più soddisfatti  Agronotizie

      Leggi l'articolo

    © Fruit Communication Srl
    Tutti i diritti riservati

    Powered by Nealogic

    Iscrizione al Registro della Stampa presso il Tribunale di Bari n° 723/12 del 22/03/12

    Fruit Communication Srl | Sede legale Via Noicàttaro nc - Rutigliano (BA) | Partita IVA 07969090724

    Alcuni contenuti pubblicati possono essere rielaborati da feed rss forniti pubblicamente da altri siti. Alcune foto potrebbero essere prese dal web e ritenute di dominio pubblico. I proprietari contrari alla pubblicazione possono contattare la redazione scrivendo a info@uvadatavola.com e chiederne la rimozione.

    Cerca