Martedì, 12 Marzo 2019 16:17

    Evoluzione delle importazioni di uva in Canada e USA

    Lo scenario delle importazioni di uva in Nord America in questa stagione è leggermente diverso rispetto allo scorso anno.

    Le forniture di uva da tavola nella costa nordorientale degli Stati Uniti e in Canada tra gennaio e febbraio sono state insolitamente basse.

    Le elevate produzioni californiane nel 2018 hanno infatti avuto un significativo impatto sul mercato nordamericano fino a dicembre. Ciò ha indotto gli esportatori peruviani a spostare la loro attenzioni lontano dal continente americano. Anche i primi volumi di uva cilena sono stati più bassi: molta meno Flame e Sugraone sono state spedite verso l'area settentrionale, comportando una minore offerta e prezzi robusti fino a febbraio.

    In Canada, tuttavia, si è registrata una situazione meno drammatica. A differenza degli USA, le uve sudafricane nel Paese canadese hanno avuto un ingresso abbastanza facile. Da metà gennaio, quindi, il Quebec e l'Ontario hanno garantito un'adeguata fornitura di uva sui mercati.

    Nel complesso, i volumi cileni nell'areale nordamericano sono diminuiti del 35%, mentre il Perù ha fatto registrare un leggero rialzo (+17%). I volumi dal Sud Africa sono invece aumentati del 13%, considerando che il Nord America rappresenta meno del 5% delle esportazioni totali delle uve sudafricane.

    L'effetto sui prezzi di tutte queste variazioni di mercato è stato notevole. Tradizionalmente, alla fine di febbraio, i prezzi dell'uva da tavola sulla costa orientale nordamericana iniziavano a calare con l'arrivo di elevati volumi dal Cile. Quest'anno invece, i prezzi sono sostanzialmente più alti, in particolare per le uve bianche senza semi.

    Nella passata stagione, nella terza settimana di febbraio, le uve bianche senza semi provenienti da Perù e Cile sono state vendute negli Stati Uniti con prezzi aventi un range di 18-22 dollari. Quest'anno, invece, nello stesso periodo si è molto pù vicini alla fascia 26-30 dollari. Sempre nella stessa settimana dello scorso anno, il prezzo delle uve rosse seedless oscillava tra 16-20 dollari, attualmente si aggira tra i 26-30 dollari. Sui mercati si registrano anche meno uve della varietà Flame, che in genere occupano una gamma qualitativa più bassa, e più nuove varietà che occupano una gamma più alta.

    Volgendo uno sguardo all'immediato futuro, il Perù sta chiudendo la stagione delle uve seedless, mentre il Cile sta aumentando i volumi delle varietà rosse senza semi. Le condizioni climatiche favorevoli hanno anticipato la raccolta delle uve cilene, il che favorirà forti arrivi a marzo (con una probabile attenuazione dei prezzi) e un rapido calo ad aprile.

    Infine, sempre in Nord America, giungeranno uve da tavola bianche senza semi dall'India ad aprile e all'inizio di maggio, che con molta probabilità saranno disponibili solo in Canada, poiché le uve indiane non sono ancora autorizzate per l'ingresso negli Stati Uniti.

      

    © uvadatavola.com

    Sfoglia l'anteprima

    News Agricoltura

    • Italia ancora indietro nell'innovazione in agricoltura  Il Sole 24 OREIn Europa, nell'innovazione agricola, la leadership è dei Paesi Bassi, seguiti da Belgio, Germania e Danimarca. Mentre l'Italia si colloca soltanto a metà ...

      Leggi l'articolo
    • Agricoltura, Fedragri Confcooperative Toscana: "Intesa con Centinaio sulla difesa del Made in Italy"  gonewsAbbiamo trovato ascolto e attenzione” così Ritano Baragli, vicepresidente di Fedagri Confcooperative Toscana e presidente della Cantina Sociale Colli Fior.

      Leggi l'articolo
    • Agricoltura sostenibile: “Italia lontana dall’efficienza”  Meteo WebSi è concluso con un appello al Governo perché la "ricerca scientifica italiana sulle biotecnologie verdi possa esser sperimentata in campo aperto"

      Leggi l'articolo

    News Ortofrutta

    • Lidl fa gol con l'ortofrutta italiana  Italiafruit NewsLa catena diventa fornitore ufficiale di frutta e verdura della Nazionale.

      Leggi l'articolo
    • Ortofrutta, un 2018 negativo per l'export made in Italy  AgronotizieI dati di Fruitimprese parlano chiaro: crolla la frutta fresca con un calo di 400mila tonnellate nelle quantità commercializzate. Unica nota positiva gli agrumi, ...

      Leggi l'articolo
    • Italia terra di agrumi, festival dell'ortofrutta made in Italy  Romanotizie“Conosci tu il paese dove fioriscono i limoni?”, cantava Goethe in un empito d'entusiasmo mettendo piede su suolo italico. I limoni (“le trombe d'oro della ...

      Leggi l'articolo

    © Fruit Communication Srl.
    Tutti i diritti riservati.

    Powered by Nealogic

    Iscrizione al Registro della Stampa presso il Tribunale di Bari n° 723/12 del 22/03/12

    Fruit Communication Srl | Sede legale Via Noicàttaro nc - Rutigliano (BA) | Partita IVA 07969090724

    Alcuni contenuti pubblicati possono essere rielaborati da feed rss forniti pubblicamente da altri siti. Alcune foto potrebbero essere prese dal web e ritenute di dominio pubblico. I proprietari contrari alla pubblicazione possono contattare la redazione scrivendo a info@uvadatavola.com e chiederne la rimozione.

    Cerca