Mercoledì, 13 Marzo 2019 09:22

    Cosa sono i Limiti Massimi di Residui (LMR)?

    Gli LMR rappresentano la quantità massima di agrofarmaci consentita per legge nelle colture destinate all’alimentazione umana e degli animali.

    Gli LMR sono espressi in milligrammi (mg) di sostanza per chilogrammo (kg) di coltura o in parti per milione (ppm); ciascun agrofarmaco ha un LMR stabilito per ogni coltura.

    Ogni agrofarmaco, nei Paesi in cui è registrato, è provvisto di un’etichetta che riporta le modalità di impiego (dose minima e massima, numero minimo e massimo di applicazioni ed epoca di applicazione) e le colture sui cui può essere utilizzato. Le indicazioni di impiego riportate in etichetta hanno valore legale.

    Un LMR è:

    • basato sulla dose massima e il numero massimo di applicazioni consentiti (BPA critica);
    • stabilito per ogni agrofarmaco su ogni coltura/prodotto agricolo;
    • basato su campioni di coltura costituiti da un insieme di articoli (ad esempio mele) che vengono raggruppati e analizzati.

    Qualora parti diverse di una stessa coltura siano destinate all’alimentazione umana o animale, ad esempio granella e paglia di frumento, vengono fissati LMR diversi per ciascuna parte. Negli Stati Uniti e in Canada gli LMR sono chiamati tolleranze.

    Come viene stabilito un LMR?
    Prima di tutto vengono identificate le sostanze che compongono il residuo. Queste sostanze possono essere l’agrofarmaco applicato alla coltura (sostanza attiva), i prodotti di degradazione (metaboliti) o entrambi. In qualche caso l’agrofarmaco può essere degradato completamente per cui i metaboliti non sono distinguibili dalle sostanze naturalmente presenti nella pianta.

     Una volta stabilita la definizione di residuo, vengono condotte prove di campo applicando il prodotto secondo la BPA critica per determinare i livelli di residuo. I residui rilevati seguendo la BPA critica corrispondono ai livelli più alti derivanti dal corretto impiego del prodotto.

    Diverse prove vengono condotte nell’arco di almeno due anni, su diversi tipi di terreno e in diverse regioni geografiche, per tenere conto della variazione dei residui legata alle condizioni atmosferiche e alle modalità di coltivazione. Il numero di prove richieste varia in funzione della coltura - per le colture più diffuse è necessario un maggior numero di prove - e del Paese interessato dalla fissazione degli LMR.

    Nella foto: moscerini della frutta 

    Le prove residui condotte secondo la BPA critica danno origine generalmente ad un range di livelli di residui, per cui occorre adottare un approccio statistico per il calcolo degli LMR, che risultano sempre superiori al residuo più alto riscontrato nelle prove. Il valore di LMR calcolato viene adottato, attraverso una specifica normativa, solo se la valutazione del rischio per il consumatore è favorevole. In caso contrario è necessario ridurre le quantità di residuo e di conseguenza l’LMR, per esempio diminuendo la dose o variando le modalità di impiego dell’agrofarmaco.

    Per ciascun LMR, i dati sui residui e la valutazione del rischio vengono esaminati in modo indipendente dalle autorità del Paese o della Regione interessati. Quando in una coltura viene ritrovato un residuo più alto del LMR si parla di superamento del LMR.

    Il LMR costituisce uno strumento per valutare se gli agrofarmaci sono stati utilizzati in modo corretto.

    Un LMR non rappresenta di per sé una soglia di sicurezza dei prodotti alimentari in quanto il suo superamento raramente comporta un rischio per la salute del consumatore.

    Gli LMR possono essere stabiliti a livello sovranazionale, ad esempio a livello UE, oppure a livello nazionale, come avviene in USA, Giappone e Australia. Gli LMR globali stabiliti dal Codex Alimentarius (Commissione congiunta dell’Organizzazione Mondiale della Sanita e dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura) non hanno valore legale, ma possono essere adottati per legge dalle autorità regolatorie nazionali o sovranazionali.

     

    Fonte: Pubblicazione Syngenta: "Sicurezza, disponibilità e qualità degli alimenti"

    Sfoglia l'anteprima

    News Agricoltura

    • Italia ancora indietro nell'innovazione in agricoltura  Il Sole 24 OREIn Europa, nell'innovazione agricola, la leadership è dei Paesi Bassi, seguiti da Belgio, Germania e Danimarca. Mentre l'Italia si colloca soltanto a metà ...

      Leggi l'articolo
    • Agricoltura, Fedragri Confcooperative Toscana: "Intesa con Centinaio sulla difesa del Made in Italy"  gonewsAbbiamo trovato ascolto e attenzione” così Ritano Baragli, vicepresidente di Fedagri Confcooperative Toscana e presidente della Cantina Sociale Colli Fior.

      Leggi l'articolo
    • Agricoltura sostenibile: “Italia lontana dall’efficienza”  Meteo WebSi è concluso con un appello al Governo perché la "ricerca scientifica italiana sulle biotecnologie verdi possa esser sperimentata in campo aperto"

      Leggi l'articolo

    News Ortofrutta

    • Lidl fa gol con l'ortofrutta italiana  Italiafruit NewsLa catena diventa fornitore ufficiale di frutta e verdura della Nazionale.

      Leggi l'articolo
    • Ortofrutta, un 2018 negativo per l'export made in Italy  AgronotizieI dati di Fruitimprese parlano chiaro: crolla la frutta fresca con un calo di 400mila tonnellate nelle quantità commercializzate. Unica nota positiva gli agrumi, ...

      Leggi l'articolo
    • Italia terra di agrumi, festival dell'ortofrutta made in Italy  Romanotizie“Conosci tu il paese dove fioriscono i limoni?”, cantava Goethe in un empito d'entusiasmo mettendo piede su suolo italico. I limoni (“le trombe d'oro della ...

      Leggi l'articolo

    © Fruit Communication Srl.
    Tutti i diritti riservati.

    Powered by Nealogic

    Iscrizione al Registro della Stampa presso il Tribunale di Bari n° 723/12 del 22/03/12

    Fruit Communication Srl | Sede legale Via Noicàttaro nc - Rutigliano (BA) | Partita IVA 07969090724

    Alcuni contenuti pubblicati possono essere rielaborati da feed rss forniti pubblicamente da altri siti. Alcune foto potrebbero essere prese dal web e ritenute di dominio pubblico. I proprietari contrari alla pubblicazione possono contattare la redazione scrivendo a info@uvadatavola.com e chiederne la rimozione.

    Cerca