Sabato, 16 Marzo 2019 08:52

    Nuova Via della Seta, a quale costo?

    Gli equilibri economici mondiali stanno cambiando, ne abbiamo il sentore proprio dai rapporti sempre più burrascosi tra USA e Cina e come spesso accade le questioni geopolitiche hanno ricadute anche per il settore frutticolo nazionale.

    Gli Stati Uniti temono che il loro primato economico venga minato dalla Repubblica Popolare Cinese che, dal canto suo, cerca di dettare un nuovo ordine mondiale. Rimanendo in tema, proprio negli ultimi giorni si parla molto della cosiddetta "Nuova Via della Seta". L’ambizioso progetto, conosciuto anche come: BRI - Belt and Road Initiative, che prevede il potenziamento e la costruzione di infrastrutture come porti, strade e autostrade per consentire alle merci cinesi di raggiungere più velocemente l’Europa.

    Facciamo insieme una panoramica della situazione e proviamo a comprendere meglio i pro ed i contro del BRI. 

    Ovviamente usufruire di nuovi potenziali sbocchi per i prodotti ortofrutticoli alletta gli operatori italiani del settore, i quali sperano di favorire l’apertura della Via della Seta in direzione Italia-Asia centrale (dall’Iran al Pakistan) per una serie di prodotti made in Italy come uva da tavola e drupacee.

    IL PROGETTO
    Il progetto in questione è colossale, prevede un corridoio via terra ed un’autostrada marittima: “Il progetto di investimenti e cooperazione economica dovrebbe coinvolgere 68 Paesi, 4miliardi di persone, 1\3 del PIL mondiale, il 62% della popolazione ed il 75% delle risorse energetiche del globo. Il presidente della Repubblica cinese mira quindi a stipulare accordi economici con diversi Paesi di Asia, Europa e Africa”, spiega Giada Messetti, sinologa e autrice televisiva intervistata da Caterpillar - radio2 (puntata del 13/3/2019).

    Xi Jinping, Presidente della Repubblica popolare cinese, è atteso in Italia dal 21 al 23 marzo 2019 per sottoscrivere con il nostro Paese un “Memorandum of understanding”, il primo passo che consentirebbe all'Italia di far parte del progetto geopolitico BRI. L’apertura alla Cina da parte del nostro Paese ha suscitato però timori da parte degli altri componenti del G7.

    ALCUNI DEI PUNTI OSCURI 
    Giulia Pompili, giornalista per  “Il foglio" espone alcune delle criticità del progetto: “In passato chi si è avvicinato troppo alla Cina ha dovuto poi assimilare anche le regole dettate dal Paese Asiatico, non condivisibili da uno Stato moderno occidentale democratico. Ad esempio ci sono stati problemi dal punto di vista dei diritti umani e sulla questione dei diritti dei lavoratori".

    GLI OTTIMISTI
    Marco Marazzi, presidente di Easternational, è però fiducioso: “La BRI darà sì alla Cina l’opportunità di aumentare le esportazioni verso i nostri mercati, ma vale anche il discorso opposto. Ad esempio le aziende del settore agroalimentare (in particolare l’ortofrutta) hanno una forte potenzialità di esportare in Cina che purtroppo si scontra con i limiti imposti da regolamenti e vincoli sanitari”.

    I DUBBI
    Il dubbi che si sollevano in questi giorni sono i seguenti e non trovano al momento soluzione: l'Italia riuscirà da sola a far fronte alla travolgente potenza economica cinese? Sarebbe forse meglio muoversi come Europa Unita per fronteggiare la questione? Quale sarà la contropartita pretesa da Xi Jinping per far parte di questo progetto?

     

    Autore: La Redazione 

    © uvadatavola.com

    Sfoglia l'anteprima

    CorsoIrrigazione

    News Agricoltura

    • Polizze agricole in crescita, ma il 90% dei campi non è assicurato  Il Sole 24 ORE

      Leggi l'articolo
    • È allarme fondi agricoli: l'Italia rischia di dovere ​ridare 444 milioni all'Ue  ilGiornale.it

      Leggi l'articolo
    • A Moncalieri un mercato natalizio con prodotti di agricoltura sociale  TorinOggi.it

      Leggi l'articolo

    News Ortofrutta

    • Rifila soldi falsi a ortofrutta e farmacia, denunciato  ReggioSera.it

      Leggi l'articolo
    • Il Car porta l'ortofrutta nella sede della Fao  Italiafruit News

      Leggi l'articolo
    • Ortofrutta, grazie al digitale produttori e consumatori più soddisfatti  Agronotizie

      Leggi l'articolo

    © Fruit Communication Srl
    Tutti i diritti riservati

    Powered by Nealogic

    Iscrizione al Registro della Stampa presso il Tribunale di Bari n° 723/12 del 22/03/12

    Fruit Communication Srl | Sede legale Via Noicàttaro nc - Rutigliano (BA) | Partita IVA 07969090724

    Alcuni contenuti pubblicati possono essere rielaborati da feed rss forniti pubblicamente da altri siti. Alcune foto potrebbero essere prese dal web e ritenute di dominio pubblico. I proprietari contrari alla pubblicazione possono contattare la redazione scrivendo a info@uvadatavola.com e chiederne la rimozione.

    Cerca