Categorie

    Lunedì, 18 Marzo 2019 09:09

    Fruitimprese: tragico l'export 2018, servono nuovi sbocchi

    I dati definitivi del commercio estero ortofrutticolo italiano elaborati da Fruitimprese su fonte Istat confermano le preoccupazioni già più volte espresse dal mondo delle imprese.

    L'export perde quasi 447.000 tonnellate di prodotto (-11,2%) e si ferma in valore appena sotto 4,6 miliardi (-6,3%). Anche l'import frena, ma con perdite più contenute (-0,4% in quantità e -0,9% in valore).

    Il saldo economico resta positivo, ma si allontana dal record del 2017 (1 miliardo di euro) per fermarsi a 781 milioni (-26,2%). Tutte negative le voci del nostro export, tranne gli agrumi (+7,1%). Il calo più rilevante riguarda la frutta fresca che perde 400.000 tonnellate di prodotto e in valore oltre 300 milioni di euro (-11%). Le quantità di prodotti importati ed esportati si equivalgono, anzi l'import è di poco superiore (6671 tonnellate). A fronte di un calo dell'export di frutta fresca c'è un aumento dell'import in valore (+4,6%).

    "Il quadro, inutile nasconderselo, è molto preoccupante", esordisce Michelangelo Rivoira, vicepresidente nazionale di Fruitimprese, patron dell'omonimo gruppo piemontese. "E quel che è peggio è che le cose stanno ancora peggiorando: la Russia è un mercato perso che non recupereremo mai più, anzi forse diventeranno in futuro nostri concorrenti. Nei Paesi del Nord Africa, che erano nostri buoni clienti, le primavere arabe sono sfociate in una spaventosa crisi economica e in una pericolosa instabilità politica. Intanto in Europa ci si fa concorrenza tra partner, ma i Paesi dell'est sono avvantaggiati perché ricevono più aiuti da Bruxelles, hanno meno costi produttivi e molta meno burocrazia della nostra, che ha raggiunto livelli asfissianti per le imprese. La nostra qualità e il nostro servizio sono migliori, ma i concorrenti si stanno organizzando."

    Le 400.000 tonnellate di export di frutta fresca perse da un anno all'altro "Ci colpiscono al cuore perché rappresentano una perdita grave per tutto il made in Italy e sono tanto più gravi se consideriamo che nei mercati del Far East e del Medio Oriente mancava il prodotto americano, che quest'anno tornerà. Ad esempio in India nel 2018 abbiamo esportato bene le nostre mele con la concorrenza USA ridotta al lumicino, ma quest'anno la musica cambia", continua Rivoira.

    La politica ed il Governo non possono stare a guardare: "Non c'è altro rimedio che cercare nuovi sbocchi, aprire nuovi mercati. Perché la Cina può esportare in Europa la sua frutta e noi non possiamo vendere ortofrutta in Cina? Non ha senso. Ci sono enormi possibilità in Paesi che ci chiedono il nostro prodotto, come Thailandia e Vietnam, dove sono scaduti o mancano i protocolli sanitari. Abbiamo fatto accordi commerciali con gli USA che non hanno funzionato perché gli USA erano (e sono) nostri concorrentiDobbiamo puntare solo sui mercati che non possono produrre la nostra frutta".

    "Servono tavoli dove le imprese e la politica lavorano insieme per aprire nuovi mercati, non c'è altra via. Siamo penalizzati da costi energetici, del lavoro, del fisco, della previdenza più alti degli altri, da una burocrazia che è una vera palla al piede delle imprese. Impensabile che la situazione cambi, sono battaglie perse. Solo allargando la platea dell'export daremo un futuro alla nostra ortofrutta, inutile pensare a km zero o vendita diretta, misure non in grado incidere. Qui rischiamo una reale emarginazione su mercati e su prodotti dove eravamo leader. Sento parlare in questi giorni di Via della seta, mettiamoci anche la nostra frutta su questa Via e faremo un reale servizio al Paese", conclude Rivoira.

     

     

    Fonte: Comunicato stampa Fruitimprese

     

    Sfoglia l'anteprima

    News Agricoltura

    • La Lega e la ruralità: il convegno per parlare di agricoltura, caccia e predazioni  IlGiunco.netMARSILIANA – «Tanta gente, giunta dalla provincia, ma anche da quelle limitrofe, ha affollato la sala della Cooperativa Terre dell'Etruria di Marsiliana per il ...

      Leggi l'articolo
    • Agricoltura, un aiuto per migliorare l'impatto ambientale delle aziende  VaresenewsApprovata la delibera regionale voluta dall'assessore all'ambiente Raffaele Cattaneo insieme all'assessore all'agricoltura Fabio Rolfi.

      Leggi l'articolo
    • Imprese agricole 'rosa' a Campobasso  Agenzia ANSASuccesso delle iniziative di Donne Impresa Coldiretti Molise che, nell'ambito del Festival dello Sviluppo Sostenibile tenuto a Campobasso dal 15 al 17 luglio, ...

      Leggi l'articolo

    News Ortofrutta

    • Pesche e nettarine, Ortofrutta Italia promuove "eccellenza dal futuro incerto"  Fruitbook MagazinePesche e nettarine, al via la Campagna di Ortofrutta Italia per promuovere questa eccellenza italiana il cui futuro "è in dubbio", per la crisi del comparto.

      Leggi l'articolo
    • Pedon e la nuova visione del reparto ortofrutta  Italiafruit NewsIl nuovo progetto di marca firmato Pedon ha debuttato con il recente lancio della nuova linea di legumi e cereali cotti a vapore senza conservanti “I Pronti” con ...

      Leggi l'articolo
    • Pesche e nettarine regine estive dell'ortofrutta italiana  Freshplaza.itValorizzare la migliore ortofrutta italiana presso i consumatori si può. Da questa settimana fino al 31 agosto, prende il via la Campagna di comunicazione ...

      Leggi l'articolo

    © Fruit Communication Srl.
    Tutti i diritti riservati.

    Powered by Nealogic

    Iscrizione al Registro della Stampa presso il Tribunale di Bari n° 723/12 del 22/03/12

    Fruit Communication Srl | Sede legale Via Noicàttaro nc - Rutigliano (BA) | Partita IVA 07969090724

    Alcuni contenuti pubblicati possono essere rielaborati da feed rss forniti pubblicamente da altri siti. Alcune foto potrebbero essere prese dal web e ritenute di dominio pubblico. I proprietari contrari alla pubblicazione possono contattare la redazione scrivendo a info@uvadatavola.com e chiederne la rimozione.

    Cerca