Categorie

    Martedì, 19 Marzo 2019 16:56

    La Cina vieta pere, mele e uva da tavola Made in Italy

    Mele, pere e uva da tavola Made in Italy sono vietate in Cina che non ne permette l’ingresso a causa delle barriere commerciali ancora presenti per le produzioni nazionali.

    A denunciarlo è la Coldiretti, proprio alla vigilia della firma dell’accordo sulla nuova Via della Seta voluta dal presidente cinese Xi Jinping. Al momento per quanto riguarda la frutta fresca, l’Italia – sottolinea la Coldiretti – può esportare in Cina solo kiwi e gli agrumi, che peraltro sono stati sbloccati solo recentemente.

    La Cina frappone ostacoli per motivi fitosanitari e chiede assicurazioni sulla assenza di patogeni della frutta (insetti o malattie) non presenti sul proprio territorio con estenuanti negoziati e dossier che durano anni e che affrontano un prodotto alla volta.

     

    Per Coldiretti l’aspetto paradossale di questa vicenda è che mentre i prodotti italiani sono bloccati, non solo la Cina può esportare nella Penisola pere e mele, ma in Italia si è anche verificata una vera invasione di pericolosi insetti alieni dannosi alle coltivazioni di provenienza, più o meno diretta, dalla Cina.

    Dal moscerino (Drosophila suzukii) che attacca ciliegie, mirtilli e uva al cinipide del castagno (Dryocosmus kuriphilus) che ha decimato i boschi nazionali fino alla cimice asiatica (Halyomorpha halys) che, distruggendo i raccolti nei frutteti e negli orti, è arrivata anche nelle case in città, per la mancanza di nemici naturali.

    Guarda il servizio del tg5 del 18 marzo 2019 (dal minuto 23:23) cliccando qui

    Secondo lo studio Coldiretti su dati Istat, le importazioni agroalimentari dalla Cina hanno superato del 35% il valore delle esportazioni Made in Italy del settore nel 2018, a conferma della necessità di un riequilibrio dei rapporti commerciali. Le esportazioni di prodotti agroalimentari Made in Italy in Cina hanno raggiunto nel 2018 il valore di 439 milioni di euro, un valore che è più che triplicato negli ultimi 10 anni (+254%), con la progressiva apertura del gigante asiatico a stili di vita occidentali, ma che – sottolinea la Coldiretti – resta ancora molto inferiore alle importazioni che nel settore sono state pari a 594 milioni e riguardano dalle conserve di pomodoro ai prodotti biologici.

    La Cina – conclude la Coldiretti – è peraltro al secondo posto a livello mondiale tra i Paesi che hanno fatto scattare maggiori allarmi alimentari nell’Unione Europea nel corso del 2018 ed è per questo importante garantire la sicurezza e il rispetto dei diritti dei lavoratori dei prodotti che varcano la frontiera.

     

    Fonte: Coldiretti

    Sfoglia l'anteprima

    News Agricoltura

    • Agricoltura, la scommessa dei giovani: boom di imprese under 40  Il Mattino di PadovaBando regionale: accolte 33 domande nel Padovano, la maggior parte di laureati che riceveranno 40 mila euro e contributi per le spese.

      Leggi l'articolo
    • Fao, Ipcc mostra danni di agricoltura non sostenibile - Sostenibilità  Agenzia ANSAROMA - La FAO "accoglie con favore il rapporto speciale dell'IPCC (pubblicato l'8 agosto, ndr), che fornisce un resoconto crudo ed esauriente dei danni arrecati ...

      Leggi l'articolo
    • Agricoltura, nuovi studi sugli effetti delle precipitazioni - AgriUE  Agenzia ANSABOLZANO - Tecniche di viticoltura e contrasto alle malattie delle piante sono i principali filoni dell'annuale presentazione delle prove sperimentali in viticoltura, ...

      Leggi l'articolo

    News Ortofrutta

    • Ortofrutta, "Prezzi di pesche e nettarine dimezzati, crisi senza precedenti"  CesenaToday"Non è solo un rischio. Le aziende frutticole della Regione abbandoneranno presto la produzione se non diamo loro un fattivo supporto". L'allarme arriva dal ...

      Leggi l'articolo
    • Rifondare l'ortofrutta su reddito e sostenibilità  Italiafruit NewsAndrea Segrè agli Stati Generali: «Ai giovani il reddito di contadinanza»

      Leggi l'articolo
    • Cambiamenti climatici, ortofrutta più povera  Italiafruit NewsIl futuro ci riserverà un'ortofrutta più povera da un punto di vista nutrizionale. E' la conclusione a cui sono giunti un gruppo di ricercatori dell'International Food ...

      Leggi l'articolo

    © Fruit Communication Srl.
    Tutti i diritti riservati.

    Powered by Nealogic

    Iscrizione al Registro della Stampa presso il Tribunale di Bari n° 723/12 del 22/03/12

    Fruit Communication Srl | Sede legale Via Noicàttaro nc - Rutigliano (BA) | Partita IVA 07969090724

    Alcuni contenuti pubblicati possono essere rielaborati da feed rss forniti pubblicamente da altri siti. Alcune foto potrebbero essere prese dal web e ritenute di dominio pubblico. I proprietari contrari alla pubblicazione possono contattare la redazione scrivendo a info@uvadatavola.com e chiederne la rimozione.

    Cerca