Lunedì, 06 Maggio 2019 09:48

    L'uva siciliana si prepara a partire per Canada e Uruguay

    L’export dei prodotti agroalimentari è tra i più delicati, e la gestione di tale tipologia merceologica richiede una particolare attenzione, necessaria perché possa ottemperare alle richieste degli stati verso il quale si vuole esportare il prodotto.

    Per permettere la distribuzione della merce in base alle caratteristiche imprescindibili sulle quali ci si è accordati a monte con le autorità estere, come ogni anno, la Regione Siciliana ha richiesto ai produttori di manifestare la propria volontà di esportare i propri prodotti all’estero, in questo caso, è il turno dell’uva da tavola, diretta ai mercati del Canada e dell’Uruguay.

    Ecco i passaggi che i viticoltori da tavola siciliani hanno effettuato per esportare il proprio prodotto in Canada ed Uruguay

    Da qualche giorno si è completato l’iter burocratico per potere accedere alla procedura di controllo, dopo l’invio degli stessi produttori della richiesta di adesione al Servizio Fitosanitario Regionale.

    Il sistema di controllo approvato dal Canada, nello specifico, prevede che le aziende di lavorazione aderenti al programma e i relativi campi di produzione siano registrati dal Sfr che trasmetterà i dati identificativi al Servizio Fitosanitario Centrale, presso il ministero delle Politiche Agricole, Alimentari, Forestali e del Turismo, che li metterà a disposizione delle autorità canadesi.

    Ogni prodotto dovrà essere accompagnato da una scheda di tracciabilità, compilata in un apposito formato fornito dall’amministrazione, e i codici (Apf e Apu) dovranno essere riportati su ogni collo della spedizione. Inoltre, il protocollo prevede che gli interventi di difesa vengano effettuati secondo quanto previsto dal disciplinare regionale di produzione integrata.

    Le aziende esportatrici, sotto la sorveglianza del Servizio Fitosanitario Regionale, e con il proprio personale tecnico, sono state chiamate a condurre i necessari controlli fitosanitari nelle unità di produzione il cui prodotto è destinato all’esportazione. Controlli che hanno avuto lo scopo di verificare la presenza dei parassiti compresi nella lista degli organismi da quarantena del Canada. In particolare, la Lobesia botrana, nonchè l’Otiorhynchus corruptor e O.liguristici, sono stati monitorati in campo secondo le modalità (trappole) e i tempi previsti nelle schede di monitoraggio. 

    Tali verifiche si sono svolte sotto la responsabilità del tecnico fitosanitario, che ha formato anche il personale addetto alla raccolta e la lavorazione. Quest’ultima è stata eseguita esclusivamente in magazzino, come prevede il sistema di controllo approvato dalle Autorità canadesi.

    Anche per quanto riguarda le esportazioni in Uruguay, le aziende esportatrici, sotto la sorveglianza del Servizio Fitosanitario Regionale e con il proprio personale tecnico, hanno dovuto condurre i necessari controlli fitosanitari nelle unità di produzione il cui prodotto è destinato all’esportazione, avviandoli secondo i protocolli concordati con le autorità dello stato estero.

    I controlli hanno avuto lo scopo di verificare la presenza della Lobesia botrana (tignoletta della vite) seguendo i trattamenti previsti e contenuti nelle “Indicazioni alle aziende per l’esportazione di uva da tavola in Uruguay”, pubblicato sulla pagina web del Servizio Fitosanitario del Paese estero.

     

    Fonte: QdS

    Sfoglia l'anteprima

    News Agricoltura

    • Agricoltura biologica, le associazioni chiedono legge e ricerca - Terra & Gusto  Agenzia ANSAApprovare in tempi rapidi la legge sull'agricoltura biologica, che prevede fra l'altro il riconoscimento dell'agricoltura biodinamica. E' quanto chiede in una nota ...

      Leggi l'articolo
    • Agricoltura: assegnati da Confagricoltura i premi per l’innovazione  dissaporeSono tredici le imprese a cui, a Roma, Confagricoltura ha assegnato il “Premio nazionale per l'innovazione in agricoltura“, riconoscendo il merito di quelle ...

      Leggi l'articolo
    • Mediglia, Oscar dell'agricoltura al Combi Mais  IL GIORNOMediglia (Milano), 18 luglio 2019 - Dalle campagne del Sud Milano fino a Roma. La scalata del mais lombardo è inarrestabile grazie a Combi Mais ...

      Leggi l'articolo

    News Ortofrutta

    • Logistica urbana a Milano per l'ortofrutta  TrasportoEuropaIl 17 luglio 2019, la Sogemi ha annunciato l'avvio del progetto Foody City Logistics per il mercato ortofrutticolo milanese, che sarà attuato in collaborazione con ...

      Leggi l'articolo
    • Op “il Tricolore” (Sab Ortofrutta), Sartori: “Il seme non è un costo, ma un investimento”  Myfruit.itGrande focus sul biologico e standard elevati per la Gdo tedesca. "Investire è fondamentale". Per le lattughe da baby leaf collaborazione con ISI Sementi.

      Leggi l'articolo
    • Pedon e la nuova visione del reparto ortofrutta  Italiafruit NewsIl nuovo progetto di marca firmato Pedon ha debuttato con il recente lancio della nuova linea di legumi e cereali cotti a vapore senza conservanti “I Pronti” con ...

      Leggi l'articolo

    © Fruit Communication Srl.
    Tutti i diritti riservati.

    Powered by Nealogic

    Iscrizione al Registro della Stampa presso il Tribunale di Bari n° 723/12 del 22/03/12

    Fruit Communication Srl | Sede legale Via Noicàttaro nc - Rutigliano (BA) | Partita IVA 07969090724

    Alcuni contenuti pubblicati possono essere rielaborati da feed rss forniti pubblicamente da altri siti. Alcune foto potrebbero essere prese dal web e ritenute di dominio pubblico. I proprietari contrari alla pubblicazione possono contattare la redazione scrivendo a info@uvadatavola.com e chiederne la rimozione.

    Cerca