Lunedì, 05 Agosto 2019 06:00

    Varietà libere vs brevettate: quali sono le differenze?

    Scegliere quale varietà apirena impiantare è diventata una questione prettamente economica. È ormai chiaro il concetto che bisogna produrre ciò che il mercato richiede e non limitarsi a vendere ciò che si produce.

    I volumi di uva senza semi nel Mondo sono in netta crescita e in tutti gli areali di produzione si stanno verificando cambiamenti varietali evidenti, con incrementi esponenziali di superfici coltivate esclusivamente a varietà seedless.

    Chi oggi vuole produrre uva da tavola deve quindi orientarsi - è evidente - verso le uve apirene, il cui panorama varietale però è molto vasto.

    Le uve con semi avranno ovviamente il loro spazio fino a quando ci sarà un mercato che le richiederà. Il primo passo per il produttore nella scelta varietale resta la decisione di impiantare una varietà brevettata o libera da royalties.

     

    Varietà libere o brevettate?
    Le varietà libere sono presenti da più anni nei Paesi di produzione, quindi sia tecnici che viticoltori nel tempo hanno imparato a conoscerne pregi e difetti, maturando esperienze nell’applicazione di tecniche di gestione più ottimali.

    Le varietà libere sono state introdotte nei nostri areali di produzione da ormai molti anni e per questo motivo, molto spesso, presentano problematiche maggiori rispetto a varietà di nuova concezione.

    Le nuove varietà apirene, invece, sono in grado di garantire migliori performance in termini di qualità, colorazione, produttività, costanza e costi di produzione.

    D’altra parte, dato l’enorme numero di varietà con royalties introdotte sul mercato negli ultimi anni, la conoscenza delle loro caratteristiche non è ancora completa ed alcune di esse possono non soddisfare le aspettative di produzione.

    Chi decide di impiantare una varietà brevettata, inoltre, deve essere consapevole che dovrà legarsi ad un esportatore licenziatario, a cui dovrà conferire il proprio prodotto. Quest’ultima scelta rappresenta, in molti casi, un ostacolo al processo decisionale del produttore, culturalmente abituato ad agire liberamente sul mercato della vendita.

     

     

    Leggi anche: "Varietà libere e brevettate: come gestire impianto, colorazione e post raccolta"

     

    Autore: Michele Melillo - Graper, Turi (Ba)

    Sfoglia l'anteprima

    CorsoIrrigazione

    News Agricoltura

    • Piantagioni subacquee, agricoltura del futuro  Euronews Italiano

      Leggi l'articolo
    • Agricoltura. Dal 28 al 30 novembre a Ferrara fiera internazionale Futurpera, presentazione a Bologna  Regione Emilia Romagna

      Leggi l'articolo
    • Le problematiche dell'agricoltura piemontese all'attenzione del Governo  Regione Piemonte

      Leggi l'articolo

    News Ortofrutta

    • Coforest, dal Senegal per imparare l' ortofrutta sarda  Italiafruit News

      Leggi l'articolo
    • AD “AGROALIMENTA” IL PROGETTO DI FILIERA DELL'ORTOFRUTTA DEL FUCINO  Virtù Quotidiane

      Leggi l'articolo
    • Sull'ortofrutta Coldiretti ha le idee chiare  Italiafruit News

      Leggi l'articolo

    © Fruit Communication Srl
    Tutti i diritti riservati

    Powered by Nealogic

    Iscrizione al Registro della Stampa presso il Tribunale di Bari n° 723/12 del 22/03/12

    Fruit Communication Srl | Sede legale Via Noicàttaro nc - Rutigliano (BA) | Partita IVA 07969090724

    Alcuni contenuti pubblicati possono essere rielaborati da feed rss forniti pubblicamente da altri siti. Alcune foto potrebbero essere prese dal web e ritenute di dominio pubblico. I proprietari contrari alla pubblicazione possono contattare la redazione scrivendo a info@uvadatavola.com e chiederne la rimozione.

    Cerca