Venerdì, 13 Dicembre 2019 15:15

    Come scegliere il telo per coprire il vigneto?

    Michele Settanni, titolare dell'azienda Annalena Plastic srl di Noicattaro (Ba) spiega ai lettori di uvadatavola.com quali sono le caratteristiche fondamentali che deve possedere un film plastico per coprire e proteggere al meglio il vigneto ad uva da tavola.

    Settanni spiega: “Oggi il produttore chiede soprattutto una colorazione omogenea del frutto. Con le nuove varietà apirene i produttori riscontrano anche alcuni problemi di colorazionelignificazione - Afferma Settanni-. Una delle possibili soluzioni è l’uso dei teli a luce diffusa come il nostro Vignasol. Prodotto nuovo e tecnologicamente avanzato. La luce diffusa è fondamentale per la colorazione delle bacche e per una buona lignificazione. Il nuovo telo, inoltre, permette di evitare che le piante vadano in sofferenza per il troppo caldo perché è in grado di regolare la temperatura all’interno del vigneto”.

    "Inoltre i teli Vignasol possiedono anche una fascia/tasca di protezione isolante - Precisa Michele -, che non permette il passaggio della luce e dell'acqua. Agenti atmosferici che contribuirebbero a degradare il film plastico. La tasca permette al produttore, al termine della stagione, di avvolgere il telo lasciandolo, ripiegato e protetto, all'interno dello stesso vigneto. Operazione che costituisce un risparmio di manodopera e di giornate lavorative”.

    iscriviti alla newsletter 848x180 1

    Il telo Vignasol a luce diffusa è un prodotto tecnologicamente avanzato. Il segreto sono le cave di vetro presenti all’interno della pasta plastica di cui è composto il film; esse permettono alla luce di diffondersi omogeneamente e di termoregolare la temperatura sottostante, poiché selezionano solo la porzione di radiazione solare utilizzate dalla pianta per la fotosintesi. Il tutto è frutto della ricerca “Made in Italy”, o meglio, “Made in Sud”. Il film è infatti il risultato del lavoro di un team di ingegneri e chimici impegnati nel settore di ricerca e sviluppo dell’azienda siciliana Agriplast srl.

    “I teli Vignasol nel corso dell’ultima stagione sono stati testati in campo sia in Puglia che in Sicilia, sia su varietà con seme che su cultivar apirene. I risultati ottenuti sono stati eccellenti. I produttori che hanno deciso di adottarli sono rimasti sbalorditi. Si sono resi conto che nella fase di germogliamento le piante non mostravano i sintomi dello stress da caldo. Le piante inoltre, vegetando bene, hanno prodotto un apparato fogliare molto disteso. La colorazione dei frutti è stata più omogenea rispetto al film classico. Al termine della raccolta si è anche notata una migliore lignificazione per i vigneti coperti da Vignasol, rispetto a quelli protetti da teli convenzionali”, continua Michele Settanni.

    foto_vignasol.jpg

    A causa dei cambiamenti climatici le escursioni termiche sono sempre più frequenti e violente e la vegetazione ne soffre, soprattutto le piante più giovani. L’optimum di temperatura per la vite si aggira attorno ai 25 °C. Attorno ai 45 °C l’attività fotosintetica della vite si riduce del 50% rispetto alle temperature ottimali. L’eccessivo caldo durante la giornata influenza negativamente il comportamento fisiologico della pianta che può andare in stress. La vite dimostra stress termico modificando l’apertura e la chiusura degli stomi e diminuendo le attività di fotosintesi (Approfondisci cliccando qui).

    I produttori sono oggi chiamati a gestire temperature anomale rispetto al passato. Primavere troppo fredde o estati troppo calde mettono a dura prova la fioritura, oppure bruciano o scottano letteralmente la vegetazione o gli acini di uva da tavola.

    Il titolare di Annalena Plastic conclude: “Nei mesi di giugno, luglio e agosto il termometro per alcuni giorni supera anche i 40 °C. Questo vuol dire che all’interno di un vigneto coperto si raggiungono anche i 50-55 °C. Temperature che vengono anche superate, se consideriamo alcuni porzioni del vigneto se questo è in pendenza, perché l'aria calda tende a salire. Nelle aziende siciliane dove sono stati messi alla prova i teli a luce diffusa abbiamo constatato, attraverso un monitoraggio continuo e giornaliero, che la pianta non andava in sofferenza”.

     

    Autore: La Redazione 

    Copyright: uvadatavola.com 

     

     

    Sfoglia l'anteprima

    CorsoIrrigazione

    News Agricoltura

    • Fondi per l'agricoltura e lotta alla cimice asiatica: summit in Regione  SulPanaro

      Read more...
    • Agricoltura, primato della Sicilia per numero di giovani under 35 titolari di aziende  Nebrodi News

      Read more...
    • Agricoltura: Coldiretti, mercoledì 29 gennaio trattori in piazza contro la cimice killer  Servizio Informazione Religiosa

      Read more...

    News Ortofrutta

    • Tidei (Iv): "Bene sentenza Tar su ortofrutta, ora avanti con più decisione"  Centumcellae News

      Read more...
    • L’ortofrutta certificata entra nel carrello della spesa  La Repubblica

      Read more...
    • Crisi senza fine per la Sicilia dell'ortofrutta  Italiafruit News

      Read more...

    © Fruit Communication Srl
    Tutti i diritti riservati

    Iscrizione al Registro della Stampa presso il Tribunale di Bari n° 723/12 del 22/03/12

    Fruit Communication Srl | Sede legale Via Noicàttaro nc - Rutigliano (BA) | Partita IVA 07969090724

    Alcuni contenuti pubblicati possono essere rielaborati da feed rss forniti pubblicamente da altri siti. Alcune foto potrebbero essere prese dal web e ritenute di dominio pubblico. I proprietari contrari alla pubblicazione possono contattare la redazione scrivendo a info@uvadatavola.com e chiederne la rimozione.

    Cerca