Mercoledì, 28 Marzo 2018 17:15

    I nuovi mercati dell'uva da tavola

    Il calendario dell’import europeo nel 2000 vedeva una leadership completa del nostro Paese dal punto di vista dei volumi.

    La pressione dei competitors
    Il 28% della quota delle importazioni nel periodo giugno-dicembre. In controstagione si registravano quantitativi significativi provenienti da Sudafrica (16%e) e Cile (9%) ma non comparabili con i volumi italiani.

    Negli ultimi anni il panorama è completamente cambiato, con i primi sei mesi che sono diventati sempre più affollati in termini di Paesi importatori. A gennaio 2016 si parte con le uve sudafricane, si continua nei mesi successivi con l’lndia, che si sovrappone col Cile, e l’Egitto.

    Poi partono le stagioni dei Paesi europei con Italia, Spagna e Grecia. A chiudere il Brasile, seguito da Perù e poi di nuovo Sud Africa, che sta aumentando il valore delle proprie esportazioni in modo esponenziale nella finestra di mercato di dicembre. Questo nel complesso il quadro di importazione dei maggiori Paesi europei.

    Analizzando però nel dettaglio le singole destinazioni, si evince che non tutti ricoprono il medesimo schema.
    Ad esempio in Francia nel 2016 sono giunte quasi esclusivamente uve italiane, poiché il Paese transalpino ha deciso di non destagionalizzare il consumo, probabilmente per propensione patriottistica. Il Regno Unito nello stesso periodo presentava un quadro molto più complesso: a gennaio giungevano uve sudafricane, seguite nei mesi seguenti da quelle provenienti da India, Cile, Egitto e Spagna. L’Italia, come detto, nel mercato britannico è quasi assente e si posiziona solo al decimo posto dopo la Grecia.

    Tra le destinazioni europee, però, la Francia - dove l’Italia domina - è proprio il Paese con i prezzi medi di importazione più bassi, mentre il mercato del Regno Unito - dove l’Italia è quasi inesistente e la Spagna è forte - è quello che maggiormente valorizza le produzioni con circa 2.35 euro/kg (prezzi medi doganali di importazione). Questa ad ulteriore conferma che il mercato europeo per le uve italiane è stagnante e la competizione è elevata. L'alternativa potrebbe essere l’ingresso in nuovi mercati.

    I nuovi mercati
    Il 97% dell’uva italiana destinata all’esportazione ha come destinazione il Vecchio Continente. Il restante 3% raggiunge altri Paesi. Nel periodo 2000 al 2017, il quadro delle destinazioni extra-europee del prodotto italiano si è evoluto.

    Per l'Italia, il Canada era un mercato molto forte nei primi anni del 2000, ma in seguito tale finestra si è chiusa. Il mercato USA è rimasto pressoché stabile, mentre i Paesi che hanno visto un forte incremento sono Emirati Arabi e Arabia Saudita, che hanno possibilità di crescere sia dal punto di vista dei volumi che del valore. Infatti i Paesi arabi, sempre secondo le stime, aumenteranno nel 2050 notevolmente la popolazione così come il loro PIL pro capite, che attualmente per gli Emirati Arabi è addirittura superiore a quello italiano, con la possibilità, quindi, di pagare per un prodotto di valore.

    Conclusioni
    Se l’export italiano in futuro avrà ancora la struttura descritta, non avrà la possibilità di aumentare il livello di volumi in Europa, suo principale mercato di riferimento, e dovrà puntare tutto sulla valorizzazione delle proprie produzioni. L’Italia oggi è leader per i volumi esportati, ma anche per i prezzi medi (e bassi) che ne caratterizzano le produzioni. Ciò potrebbe rappresentare un grande potenziale perché,come per il settore del vino, ci potrebbero essere margini per qualificare il prodotto. Emerge anche la necessità di esplorare nuovi mercati, in un contesto globale sempre più asia-centrico. Sarebbe opportuno seguire l'esempio della Spagna, che sta investendo molto a livello politico su questi punti, consapevole che si può andare lontano soltanto con prodotti dall'elevato valore aggiunto e non con un prodotto
    da volume.

    Clicca qui per leggere la prima parte dell'articolo

    Clicca qui per leggere la seconda parte dell'articolo

    Autori: 

    Autori: Michele Dall'Olio: Fresh4cast - Londra (UK) e

    Domenico Zagaria: Agrimeca Grape and Fruit Consulting - Turi (BA)

    copyright: uvadatavola.com

    Sfoglia l'anteprima

    News Agricoltura

    • Agricoltura, allarme grano per crescita prematura – VIDEO  Redazione ETV MarcheMai cosi pazzo il mese di marzo con temperature minime e massime superiori di 3,3 gradi rispetto alla media nella Regione Marchigiana e che hanno fatto ...

      Leggi l'articolo
    • Agricoltura: da Pac a Xylella, temi incontro Hogan-Prandini - Terra & Gusto  Agenzia ANSA(ANSA) - ROMA, 22 MAR - Politica Agricola, Brexit, accordi internazionali ed emergenze come la Xylella sono state al centro dell'incontro tra il Presidente della ...

      Leggi l'articolo
    • Contoterzismo da incentivare. «Per un'agricoltura più efficace e una gestione delle terre più responsabile  Agricultura.itUn operatore agro-meccanico costa dai 24 ai 27 mila euro all'anno e non è facile da trovare. Nel 2018 il prezzo del gasolio è aumento di oltre[…]

      Leggi l'articolo

    News Ortofrutta

    • Il Mercato dell'Ortofrutta cambia gli orari per i privati  Repubblica.itA dieci anni dal trasferimento a Bolzaneto, il Mercato Ortofrutticolo di Genova cambia gli orari di accesso per la clientela dei privati consumatori. Dall'1 aprile le ...

      Leggi l'articolo
    • Sanremo, in corso Marconi un nuovo supermercato con ortofrutta e macelleria  Riviera PressAl piano terra ci sarà una superficie di vendita di 685,5 metri quadrati. Sono previsti anche 35 posti auto e 12 moto. Condividi: Fai clic per condividere su ...

      Leggi l'articolo
    • Un pieno di ortofrutta per le scuole di Puglia e Campania con Fruit&Salad School Games  Agricultura.itNuova entusiasmante settimana con Fruit&Salad School Games tra le regioni Puglia e Campania con giochi sportivi e quiz sulla sana alimentazione per ...

      Leggi l'articolo

    © Fruit Communication Srl.
    Tutti i diritti riservati.

    Powered by Nealogic

    Iscrizione al Registro della Stampa presso il Tribunale di Bari n° 723/12 del 22/03/12

    Fruit Communication Srl | Sede legale Via Noicàttaro nc - Rutigliano (BA) | Partita IVA 07969090724

    Alcuni contenuti pubblicati possono essere rielaborati da feed rss forniti pubblicamente da altri siti. Alcune foto potrebbero essere prese dal web e ritenute di dominio pubblico. I proprietari contrari alla pubblicazione possono contattare la redazione scrivendo a info@uvadatavola.com e chiederne la rimozione.

    Cerca