Focus

    Lunedì, 14 Novembre 2016 11:32

    Sudafrica: nuovo protocollo per esportare uva da tavola in Cina

    Gli esportatori ed i produttori sudafricani hanno dichiarato di aver raggiunto uno degli obiettivi più importanti per il settore viticolo, riuscendo a sottoscrivere un nuovo protocollo per esportare uva da tavola in Cina.

    Grazie alle nuove norme, il paese suafricano potrà quintuplicare nei prossimi cinque anni il suo fatturato. Il nuovo protocollo, confermato dal SATI (South African Table Grape Industry) e dal DAFF (Department of Agriculture, Forestry and Fisheries) riguarda il trattamento a freddo delle uve, che sarà attuato già durante la stagione 2016-2017. Ciò consentirà di conservare il prodotto a 8°C per un minimo di 20 giorni, mentre in passato erano previsti 6°C per 22 giorni.

    Il protocollo precedente, però, metteva a rischio di danneggiamento sia gli acini di uva che il rachide, a causa del freddo eccessivo.

    Questo cambiamento rappresenta per il SATI una grande opportunità commerciale per l'export in Cina, che diventerà un mercato più accessibile per l'uva da tavola sudafricana.

    Attualmente il Sud Africa è al quarto posto tra i principali esportatori di uva nel paese asiatico (nel 2014 ha esportato 10.000 tonnellate, nel 2015 10.600 tonnellate) e con il nuovo protocollo potrà migliorare la sua posizione.

     

    Fonte: fruitnet.com

    Traduzione e adattamento a cura di uvadatavola.com. Tutti i diritti riservati.

    Sfoglia la rivista

    © Fruit Communication Srl
    Tutti i diritti riservati

    Iscrizione al Registro della Stampa presso il Tribunale di Bari n° 723/12 del 22/03/12

    Fruit Communication Srl | Sede legale Via Noicàttaro nc - Rutigliano (BA) | Partita IVA 07969090724

    Alcuni contenuti pubblicati possono essere rielaborati da feed rss forniti pubblicamente da altri siti. Alcune foto potrebbero essere prese dal web e ritenute di dominio pubblico. I proprietari contrari alla pubblicazione possono contattare la redazione scrivendo a info@uvadatavola.com e chiederne la rimozione.

    Cerca