Martedì, 14 Novembre 2017 09:40

    Post-raccolta: le diverse fasi che preservano la qualità dell'uva - prima parte

    Puglia, una delle regioni più vocate per la coltivazione di uva da tavola delle diverse varietà, con e senza semi, sapientemente curate con impegno e dedizione, ma anche con tanti sacrifici.

    L’uva da tavola Pugliese, rappresenta un’importante fetta del mercato nazionale e mondiale, garantendo per sette mesi l’anno sulle tavole dei consumatori un prodotto sano, fresco e gustoso, con varietà precoci, medie e a partire da giugno fino a dicembre. Le zone calde del tarantino e del barese, la vicinanza al mare, i terreni calcarei e argillosi apportano il loro prezioso contributo in tutte le fasi fenologiche del prodotto.

    Questo però non basta: come in un film, vi partecipano tanti attori, registi, tecnici e comparse, che si adoperano per la buona riuscita del prodotto finale. Tutto viene curato nei dettagli, senza lasciar nulla al caso e a tutto viene concessa la giusta attenzione, dal campo al magazzino, con un unico scopo: far arrivare sulle tavole dei consumatori uve di qualità.

    Dal campo al magazzino
    Le scelte in campo, spesso difficili, dalla giusta varietà da impiantare (influenzate dai trend di mercato) fino all'utilizzo delle corrette pratiche colturali e di difesa, sono il primo step del fantastico e complicato mondo dell’uva da tavola. La frigoconservazione in celle dedicate, l'utilizzo di mezzi e di materiali in grado di preservare la qualità del prodotto, la garanzia di una lunga shelf life e la fase di spedizione, rappresentano il secondo step.

    In post-raccolta potrebbero insorgere alcune problematiche che richiedono il massimo impegno di tutti, al fine di evitare e/o contenere danni alle produzioni. Uno dei patogeni più pericolosi e complessi da gestire, sia in pieno campo che in magazzino, è Botrytis cinerea, comunemente nota come muffa grigia.

    Questo fungo parassita, attacca i grappoli in periodi particolarmente delicati e importanti del ciclo biologico della vite, principalmente nelle fasi tra invaiatura e maturazione. Si sviluppa in condizioni di eccessiva umidità (nebbie mattutine e notturne, piogge intense) che creano un habitat naturale per il fungo che trova nutrimento negli zuccheri e nelle sostanze nutritive presenti nell’uva.

    Gestione in campo...
    La gestione di Botrytis Cinerea in campo, prevede diversi interventi di natura agronomica e chimica, mirati a prevenire o curare l'insorgenza del patogeno nelle successive fasi di conservazione.

    Tra le comuni tecniche agronomiche in grado di prevenire le infezioni di muffa grigia vi sono:

    • bilanciare gli apporti irrigui;
    • limitare le concimazioni azotate (esse favoriscono il lussureggiamento della pianta che aumenta la suscettibilità al patogeno);
    • favorire l’arieggiamento dell'impianto.

     

    Gli interventi agronomici hanno esclusivamente carattere preventivo, in quanto non in grado di curare le infezioni di botrite. Per questo si rende necessario integrare alle operazioni colturali l'utilizzo di prodotti fitosanitari di origine biologica o chimica.

    Tra questi:

    • microrganismi antagonisti, come ad esempio batteri e lieviti, da applicare in fase di pre chiusura dei grappoli;
    • antibotritici chimici, alternando l'utilizzo di sostanze attive a diverso meccanismo d'azione al fine di evitare fenomeni di resistenza.

     

    Autore: Nunzio Pavone - Responsabile Controllo Qualità O.P. Giuliano  S.r.l

    Copyright: uvadatavola.com

    Sfoglia l'anteprima

    News Agricoltura

    • Crisi del settore vitivinicolo: audizione di Aspal in Commissione agricoltura in Regione  LatinaTodayIl delicato tema della crisi del settore vitivinicolo al centro dell'audizione di Aspal in Commissione Agricoltura della Regione Lazio che si è tenuta lo scorso 20 ...

      Leggi l'articolo
    • Agricoltura, Gentili: «Parco della Maremma laboratorio di innovazione con la gestione dei terreni regionali  IlGiunco.netGROSSETO - “La proposta di dare un ruolo più rilevante al Parco della Maremma in ambito agricolo attraverso la gestione diretta di terreni di proprietà reg.

      Leggi l'articolo
    • Caldo, allarme agricoltura, al via l'irrigazione di soccorso  StampToscanaFirenze – Grande caldo, emergenza. Una diade ormai inevitabile nel nostro Paese, dove, nonostante i ripetuti allrmi di citati, cittadini e associazioni, il problema ...

      Leggi l'articolo

    News Ortofrutta

    • Ortofrutta in crisi, accordo in Basilicata con Spesì  Italiafruit NewsPresso lo stabilimento della catena dei Supermercati Spesì di Policoro, è stato chiuso il primo accordo di filiera tra Coldiretti Basilicata e Spesì per il settore ...

      Leggi l'articolo
    • Ortofrutta in Gdo, è allarme rosso  Italiafruit NewsUn maggio sulla scia del deludente aprile per il reparto ortofrutta della Gdo. Il reparto perde a valore (-3%), anche se guadagna qualcosa a volume (+1%).

      Leggi l'articolo
    • Piu' coerenza sul fronte del marketing in ortofrutta  Freshplaza.itIl marketing ortofrutticolo deve fare un passo in avanti. Anzi, meglio due per recuperare il tempo perduto. Ma occorre uscire dall'equivoco, perché sembra che ...

      Leggi l'articolo

    © Fruit Communication Srl.
    Tutti i diritti riservati.

    Powered by Nealogic

    Iscrizione al Registro della Stampa presso il Tribunale di Bari n° 723/12 del 22/03/12

    Fruit Communication Srl | Sede legale Via Noicàttaro nc - Rutigliano (BA) | Partita IVA 07969090724

    Alcuni contenuti pubblicati possono essere rielaborati da feed rss forniti pubblicamente da altri siti. Alcune foto potrebbero essere prese dal web e ritenute di dominio pubblico. I proprietari contrari alla pubblicazione possono contattare la redazione scrivendo a info@uvadatavola.com e chiederne la rimozione.

    Cerca