Focus

    Venerdì, 07 Dicembre 2018 16:38

    Il futuro dell'uva da tavola pugliese? L'innovazione. Ecco i risultati di un sondaggio

    Durante la serata finale del Premio Bella vigna Thomas Drahorad, Presidente NCX Drahorad srl, uno dei relatori della serata, ha invitato il pubblico presente a partecipare ad un sondaggio sul futuro della filiera dell'uva da tavola.

    Se sei curioso di conoscere gli argomenti trattati dai relatori durante la serata di premiazione puoi leggerli cliccando qui, ma in questo articolo vorremmo porre l'attenzione sui risultati del sondaggio. 

    Dai dati si evince la volontà dei produttori di investire anche in prima persona nella ricerca. Il 29% dichiara di essere disposto ad investire oltre il 5% del fatturato nei programmi di ricerca varietale recentemente nati in Italia, come Nuvaut, IVC e Grape&Grape. Solo il 18% degli "intervistati" ammette di non aver previsto investimenti in programmi di ricerca già avviati.

    Dalle risposte si respira fiducia per le potenzialità delle uve apirene sul mercato italiano: il 97% prevede tassi di crescita annuali superiori al 5% per i prossimi 3-5 anni.


    PER INGRANDIRE L'IMMAGINE CLICCACI SU

    Thomas  Drahorad (del quale potete scaricare le slide utilizzate durante la serata cliccando qui), commenta: ”Le opportunità saranno innescate dall’incontro tra una crescente predilezione del consumatore italiano per le uve senza semi, un assortimento varietale che offrirà varietà molto attraenti per il mercato italiano come la bianca tardiva Autumn Crisp e la necessità della GDO italiana di innovare una referenza ultimamente ha mostrato segni di stanchezza”.

    Continuando con il sondaggio, il 57% dei partecipanti al sondaggio ammette che il gusto è un elemento fondamentale per "conquistare" il consumatore e differenziarsi dalla concorrenza. Mentre la produttività per ettaro e la resistenza sia in campo che in post-raccolta si confermano le caratteristiche principali osservate dai produttori nel momento della scelta di una nuova varietà da produrre.

    Il 52% dei produttori dichiara di essere intenzionato a impiantare varietà proposte da costitutori internazionali. Risposta che sottolinea l'importanza dei breeder e dei centri di ricerca internazionali, nonostante le tante polemiche a riguardo.

    PER INGRANDIRE L'IMMAGINE CLICCACI SU

    La platea del Premio Bella Vigna ha dichiarato che è propensa ad impiantare varietà precoci (36%) e tardive (61%), più che alle medie. E non è un caso se si considera che proprio durante la raccolta delle varietà medie la concorrenza spagnola è più intensa.

    Più della metà dei produttori, che potevano indicare più di una delle seguenti opzioni, ha ammesso di voler coltivare uve rosse seedless (71%), un po' meno uve bianche apirene (64%), mentre il 21% pensa di poter impiantare uve senza semi nere, trend che interessa attualmente il mercato del Regno Unito.

     

     

    Autore: Teresa Manuzzi
    Copyright: uvadatavola.com

     

     

    Sfoglia l'anteprima

    News Agricoltura

    • Agricoltura biologica, le associazioni chiedono legge e ricerca - Terra & Gusto  Agenzia ANSAApprovare in tempi rapidi la legge sull'agricoltura biologica, che prevede fra l'altro il riconoscimento dell'agricoltura biodinamica. E' quanto chiede in una nota ...

      Leggi l'articolo
    • Agricoltura: assegnati da Confagricoltura i premi per l’innovazione  dissaporeSono tredici le imprese a cui, a Roma, Confagricoltura ha assegnato il “Premio nazionale per l'innovazione in agricoltura“, riconoscendo il merito di quelle ...

      Leggi l'articolo
    • Mediglia, Oscar dell'agricoltura al Combi Mais  IL GIORNOMediglia (Milano), 18 luglio 2019 - Dalle campagne del Sud Milano fino a Roma. La scalata del mais lombardo è inarrestabile grazie a Combi Mais ...

      Leggi l'articolo

    News Ortofrutta

    • Logistica urbana a Milano per l'ortofrutta  TrasportoEuropaIl 17 luglio 2019, la Sogemi ha annunciato l'avvio del progetto Foody City Logistics per il mercato ortofrutticolo milanese, che sarà attuato in collaborazione con ...

      Leggi l'articolo
    • Op “il Tricolore” (Sab Ortofrutta), Sartori: “Il seme non è un costo, ma un investimento”  Myfruit.itGrande focus sul biologico e standard elevati per la Gdo tedesca. "Investire è fondamentale". Per le lattughe da baby leaf collaborazione con ISI Sementi.

      Leggi l'articolo
    • Pedon e la nuova visione del reparto ortofrutta  Italiafruit NewsIl nuovo progetto di marca firmato Pedon ha debuttato con il recente lancio della nuova linea di legumi e cereali cotti a vapore senza conservanti “I Pronti” con ...

      Leggi l'articolo

    © Fruit Communication Srl.
    Tutti i diritti riservati.

    Powered by Nealogic

    Iscrizione al Registro della Stampa presso il Tribunale di Bari n° 723/12 del 22/03/12

    Fruit Communication Srl | Sede legale Via Noicàttaro nc - Rutigliano (BA) | Partita IVA 07969090724

    Alcuni contenuti pubblicati possono essere rielaborati da feed rss forniti pubblicamente da altri siti. Alcune foto potrebbero essere prese dal web e ritenute di dominio pubblico. I proprietari contrari alla pubblicazione possono contattare la redazione scrivendo a info@uvadatavola.com e chiederne la rimozione.

    Cerca