Martedì, 11 Giugno 2019 09:28

    Il Comitato Agricoltori e Commercianti di Puglia e Basilicata deposita all'Antitrust una segnalazione contro i breeders

    Data storica quella del 10 giugno 2019 per il Comitato Libero Agricoltori e Commercianti di Puglia e Basilicata.

    Il comitato che riunisce la maggior parte dell’intera produzione e distribuzione nazionale di uva apirene proprio lunedì ha depositato, presso l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (Antitrust), un corposo dossier in cui si denunciano gli schemi contrattuali utilizzati – i quali secondo la denuncia del Comitato sono "imposti"– dai breeders per disciplinare e organizzare produzione; raccolta; conferimento e commercializzazione delle uve apirene.

    Questa non è una guerra contro i brevetti o l’innovazione in agricoltura ma solo una verifica dei limiti dei diritti dei titolari di brevetto

    “Questa non è, né vuole essere una guerra contro i brevetti o l’innovazione in agricoltura – chiarisce il Presidente del Comitato Sig. Lorenzo Colucci, tra i pionieri dell’introduzione delle varietà apirene in agricoltura – ma solo una verifica dei limiti dei diritti dei titolari di brevetto, allo scopo di prevenire e sanzionare ogni forma di abuso a danno degli agricoltori e distributori, ormai ridotti al ruolo di mezzadri”.

    https://www.uvadatavola.com/component/acymailing/user.html?Itemid=641

    Il tema riguarda l’estensione e le modalità di esercizio dei diritti di proprietà intellettuale relativi alle piante e ai loro frutti (privative vegetali, concesse in Europa dal CPVO; e dei marchi comunitari, concessi dall’EUIPO), che sarebbero utilizzati dai breeders in modo abusivo, realizzando così una situazione economicamente insostenibile e fortemente abusiva – secondo il Comitato – sotto il profilo del diritto della concorrenza e della competizione.

    Recentemente, in Spagna, l’Autorità Antitrust della Penisola Iberica ha condannato i responsabili del “Club” “Nadorcott” – varietà brevettata di mandarina- ritenendo che il sistema contrattuale violasse i diritti di produttori e rivenditori di distribuire liberamente i frutti ottenuti dalle piante, nonostante fossero stati pagate le royalties d’impianto.
    Sono molti gli aspetti del rapporto contrattuale “imposto” dai breeders denunciati dal Comitato, ed in particolare:

    • confusione sul materiale di propagazione, spesso privo di garanzie fitosanitarie;
    • arbitrio delle aziende distributrici nella raccolta e commercializzazione del frutto del raccolto;
    • conflitti di interesse tra vivai, distributori e produttori;
    • mancanza di trasparenza nelle condizioni nel prezzo di rivendita;
    • condizioni contrattuali assolutamente inique.

    Si tratta, del resto, dei temi alla base della Direttiva 2019/633 in materia di pratiche commerciali sleali nei rapporti tra imprese nella filiera agricola e alimentare, recentemente ratificata, che vieta espressamente una serie di pratiche commerciali che, purtroppo, risultano assai diffuse. “Si tratta di una prospettiva comunitaria – spiega il Sig. Colucci - che non riguarda solo la Puglia e la Basilicata, ma l’Italia e altri paesi in Europa, ed è per questo che abbiamo il supporto di molte organizzazioni Nazionali ed Europee”.

     

    Per maggiori informazioni
    Lorenzo Colucci
    Comitato Liberi Agricoltori e Produttori di Puglia e Basilicata
    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

    Sfoglia l'anteprima

    News Agricoltura

    • Danni per 47 milioni, l’agricoltura in ginocchio chiede aiuto  Giornale di BresciaVento, pioggia e grandine. Una devastazione senza precedenti alle coltivazioni e alle strutture. Il maltempo di questa estate presenta il conto: la somma dei ...

      Leggi l'articolo
    • "Multinazionali dell'agricoltura e grandi allevamenti, ecco chi brucia l'Amazzonia"  DireGli incendi che stanno devastando il polmone verde del pianeta non dipendono dal riscaldamento globale ma sono causati dall'uomo.

      Leggi l'articolo
    • Comunicato n.1389 - AGRICOLTURA: CHI CONOSCE I FONDI EUROPEI LI PROMUOVE A PIENI VOTI, ASSESSORE PAN, "PSR E FONDI FEASR UTILI PER L'84% DEGLI OPERATORI, MA ANCORA POCO CONOSCIUTI TRA I CITTADINI"  Regione VenetoChi lo conosce ne apprezza i risultati: oltre[…]

      Leggi l'articolo

    News Ortofrutta

    • «Ortofrutta sulla strada: più controlli»  Il Resto del Carlino«CON la stagione estiva spuntano come funghi. Quest'anno poi, col maltempo che ha colpito anche le colture locali, sono aumentati». Al centro della denuncia ...

      Leggi l'articolo
    • Pugliese (Conad): "Ortofrutta Emilia-Romagna esempio di cosa significa fare sistema"  Myfruit.itNella tappa di Forlì de il "Grande Viaggio Insieme" il ceo di Conad propone una "alleanza tra buoni" che unisca le comunità.

      Leggi l'articolo
    • Sacchetti riutilizzabili per ortofrutta  Polimerica.itIn fase di introduzione nei 3.200 punti vendita tedeschi della catena Lidl per ridurre i consumi di plastiche monouso.

      Leggi l'articolo

    © Fruit Communication Srl.
    Tutti i diritti riservati.

    Powered by Nealogic

    Iscrizione al Registro della Stampa presso il Tribunale di Bari n° 723/12 del 22/03/12

    Fruit Communication Srl | Sede legale Via Noicàttaro nc - Rutigliano (BA) | Partita IVA 07969090724

    Alcuni contenuti pubblicati possono essere rielaborati da feed rss forniti pubblicamente da altri siti. Alcune foto potrebbero essere prese dal web e ritenute di dominio pubblico. I proprietari contrari alla pubblicazione possono contattare la redazione scrivendo a info@uvadatavola.com e chiederne la rimozione.

    Cerca