Martedì, 11 Giugno 2019 09:28

    Il Comitato Agricoltori e Commercianti di Puglia e Basilicata deposita all'Antitrust una segnalazione contro i breeders

    Data storica quella del 10 giugno 2019 per il Comitato Libero Agricoltori e Commercianti di Puglia e Basilicata.

    Il comitato che riunisce la maggior parte dell’intera produzione e distribuzione nazionale di uva apirene proprio lunedì ha depositato, presso l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (Antitrust), un corposo dossier in cui si denunciano gli schemi contrattuali utilizzati – i quali secondo la denuncia del Comitato sono "imposti"– dai breeders per disciplinare e organizzare produzione; raccolta; conferimento e commercializzazione delle uve apirene.

    Questa non è una guerra contro i brevetti o l’innovazione in agricoltura ma solo una verifica dei limiti dei diritti dei titolari di brevetto

    “Questa non è, né vuole essere una guerra contro i brevetti o l’innovazione in agricoltura – chiarisce il Presidente del Comitato Sig. Lorenzo Colucci, tra i pionieri dell’introduzione delle varietà apirene in agricoltura – ma solo una verifica dei limiti dei diritti dei titolari di brevetto, allo scopo di prevenire e sanzionare ogni forma di abuso a danno degli agricoltori e distributori, ormai ridotti al ruolo di mezzadri”.

    https://www.uvadatavola.com/component/acymailing/user.html?Itemid=641

    Il tema riguarda l’estensione e le modalità di esercizio dei diritti di proprietà intellettuale relativi alle piante e ai loro frutti (privative vegetali, concesse in Europa dal CPVO; e dei marchi comunitari, concessi dall’EUIPO), che sarebbero utilizzati dai breeders in modo abusivo, realizzando così una situazione economicamente insostenibile e fortemente abusiva – secondo il Comitato – sotto il profilo del diritto della concorrenza e della competizione.

    Recentemente, in Spagna, l’Autorità Antitrust della Penisola Iberica ha condannato i responsabili del “Club” “Nadorcott” – varietà brevettata di mandarina- ritenendo che il sistema contrattuale violasse i diritti di produttori e rivenditori di distribuire liberamente i frutti ottenuti dalle piante, nonostante fossero stati pagate le royalties d’impianto.
    Sono molti gli aspetti del rapporto contrattuale “imposto” dai breeders denunciati dal Comitato, ed in particolare:

    • confusione sul materiale di propagazione, spesso privo di garanzie fitosanitarie;
    • arbitrio delle aziende distributrici nella raccolta e commercializzazione del frutto del raccolto;
    • conflitti di interesse tra vivai, distributori e produttori;
    • mancanza di trasparenza nelle condizioni nel prezzo di rivendita;
    • condizioni contrattuali assolutamente inique.

    Si tratta, del resto, dei temi alla base della Direttiva 2019/633 in materia di pratiche commerciali sleali nei rapporti tra imprese nella filiera agricola e alimentare, recentemente ratificata, che vieta espressamente una serie di pratiche commerciali che, purtroppo, risultano assai diffuse. “Si tratta di una prospettiva comunitaria – spiega il Sig. Colucci - che non riguarda solo la Puglia e la Basilicata, ma l’Italia e altri paesi in Europa, ed è per questo che abbiamo il supporto di molte organizzazioni Nazionali ed Europee”.

     

    Per maggiori informazioni
    Lorenzo Colucci
    Comitato Liberi Agricoltori e Produttori di Puglia e Basilicata
    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

    Sfoglia l'anteprima

    News Agricoltura

    • La nutraceutica futuro asset della crescita in agricoltura  Italia OggiLa nutraceutica per far crescere l'agricoltura. Le potenzialità dei prodotti e delle molecole di origine naturale sono stati gli argomenti...

      Leggi l'articolo
    • Comunicato n.984 - AGRICOLTURA: VENERDÌ 21 AD AGRIPOLIS GLI “STATI GENERALI” DELLO SVILUPPO RURALE – ASSESSORE PAN, “DALLA CONSULTAZIONE ONLINE LE PRIORITÀ REGIONALI VERSO IL 2030”  Regione Venetoelenco comunicati. AGRICOLTURA: VENERDÌ 21 AD AGRIPOLIS GLI “STATI GENERALI” DELLO SVILUPPO RURALE –[…]

      Leggi l'articolo
    • Agricoltura: Ue, regioni Italia verso aumento gruppi operativi - Innovazione  Agenzia ANSABRUXELLES - Il numero di gruppi operativi locali per l'innovazione in agricoltura attivi oggi in Italia, circa 200, "potrebbe aumentare in modo esponenziale" nei ...

      Leggi l'articolo

    News Ortofrutta

    • Aldi, 59 store in Italia. “L'ortofrutta? Registra i maggiori volumi di vendita”  Fruitbook Magazine59 punti vendita in Italia e un "nuovo modo di fare la spesa". ALDI ha obiettivi ambiziosi nel nostro Paese; l'ortofrutta, rivela l'azienda, è centrale.

      Leggi l'articolo
    • L'Uzbekistan cresce e con esso anche le aziende dell'ortofrutta  Freshplaza.itBuona partecipazione e tante possibilità di affari alla fiera AgroTech di Tashkent, in Uzbekistan, che si è tenuta la scorsa settimana dal 12 al 14 giugno 2019.

      Leggi l'articolo
    • Ortofrutta, il “modello” Emilia-Romagna: l’innovazione passa dall’aggregazione  La RepubblicaOrganizzarsi, aggregarsi, riunirsi in gruppi cooperativi o creare alleanze di filiera per affrontare più forti il mercato dell'ortofrutta, usando la leva dell'innovazione, ...

      Leggi l'articolo

    © Fruit Communication Srl.
    Tutti i diritti riservati.

    Powered by Nealogic

    Iscrizione al Registro della Stampa presso il Tribunale di Bari n° 723/12 del 22/03/12

    Fruit Communication Srl | Sede legale Via Noicàttaro nc - Rutigliano (BA) | Partita IVA 07969090724

    Alcuni contenuti pubblicati possono essere rielaborati da feed rss forniti pubblicamente da altri siti. Alcune foto potrebbero essere prese dal web e ritenute di dominio pubblico. I proprietari contrari alla pubblicazione possono contattare la redazione scrivendo a info@uvadatavola.com e chiederne la rimozione.

    Cerca