Giovedì, 13 Giugno 2019 07:09

    Acido gibberellico su Red globe in pre-fioritura: ecco gli effetti

    Un team di ricerca guidato dalla dottoressa María P. Santolalla, dell’Universidad Nacional Agraria La Molina (Perù) ha studiato gli effetti dell’acido gibberellico sulla varietà Red Globe applicato in pre-fioritura.

    L’esperimento ha previsto l’utilizzo di grappoli della varietà Red Globe in tre fasi di sviluppo, corrispondenti ai codici 55, 57 e 62 della scala BBCH: bottoni fiorali agglomerati (55), bottoni fiorali separati (57) e inizio fioritura (62). I grappoli sono stati immersi in quattro soluzioni con diverse concentrazioni di acido gibberellico (GA3), ovvero 10, 20, 30 e 40 ppm, e in un controllo composto da sola acqua. Obiettivo della prova è stato valutare l’effetto del fitoregolatore sulla lunghezza del rachide, il numero e il peso degli acini e il numero di semi.

    Con concentrazioni di 20 e 40 ppm di GA3 il rachide ha raggiunto una lunghezza media di 22,11 cm, mentre con 10 e 30 ppm la media era di 20,04 cm. Nel controllo invece il rachide era lungo 16,6 cm. Il numero medio di acini per grappolo era più alto solo con 20 e 40 ppm (59 acini in media) rispetto al controllo che ne contava 46.

    L’applicazione più tardiva (inizio fioritura) ha garantito gli effetti migliori: 62 bacche rispetto ai 41 e 53 acini presenti sui grappoli trattati nelle due fasi precedenti.

    Il peso del singolo acino è diminuito con tutte le concentrazioni di GA3 (7,56 g in media) rispetto al controllo (9,91 g). Le applicazioni nella fase di bottoni fiorali separati sono quelle che hanno registrato un minor peso delle bacche (6,66 g) rispetto a quello delle altre due fasi (8,71 g in media).

    Infine, in merito al numero di semi per acino, questo era più alto nel controllo (in media 2,72 semi), mentre nelle prove con le diverse concentrazioni di GA3 il numero di semi era pari mediamente a 1,95 (10 ppm), 1,55 (20 ppm), 1,17 (30 ppm) e 0,8 (40 ppm). Nel dettaglio, l'effetto inibitorio è stato maggiore nelle applicazioni a bottoni fiorali separati (1.21 semi) rispetto alle altre due fasi (in media 1.85 semi).

    L’utilizzo di GA3 tra le fasi di pre-fioritura e inizio fioritura, quindi, potrebbe incrementare la lunghezza del rachide e il numero di acini per grappolo. Tuttavia la prova suggerisce che l’utilizzo del fitoregolatore in quelle fasi influenza negativamente il peso degli acini e ha un effetto inibitorio sullo sviluppo di semi.

     

    Autore: La Redazione

    ©uvadatavola.com

    Sfoglia l'anteprima

    CorsoIrrigazione

    News Agricoltura

    • Da programma Bei-Iccrea 200mln per Pmi, 25% a agricoltura - Economia  Agenzia ANSA

      Leggi l'articolo
    • L'incontro: l'allarme dell'agricoltura dopo le ultime alluvioni  Il Piccolo

      Leggi l'articolo
    • Agricoltura bio, un convegno sulla nuova legge  Italiafruit News

      Leggi l'articolo

    News Ortofrutta

    • Ortofrutta bio fertilizzata con matrici da riciclo  Agronotizie

      Leggi l'articolo
    • Blockchain e ortofrutta, binomio possibile  Freshplaza.it

      Leggi l'articolo
    • Rifila soldi falsi a ortofrutta e farmacia, denunciato  ReggioSera.it

      Leggi l'articolo

    © Fruit Communication Srl
    Tutti i diritti riservati

    Powered by Nealogic

    Iscrizione al Registro della Stampa presso il Tribunale di Bari n° 723/12 del 22/03/12

    Fruit Communication Srl | Sede legale Via Noicàttaro nc - Rutigliano (BA) | Partita IVA 07969090724

    Alcuni contenuti pubblicati possono essere rielaborati da feed rss forniti pubblicamente da altri siti. Alcune foto potrebbero essere prese dal web e ritenute di dominio pubblico. I proprietari contrari alla pubblicazione possono contattare la redazione scrivendo a info@uvadatavola.com e chiederne la rimozione.

    Cerca