Venerdì, 21 Febbraio 2014 19:21

    Innovazioni per un packaging più sicuro ed efficiente

    Negli ultimi anni è in forte aumento la richiesta di prodotti sicuri e con una shelf-life prolungata in confezioni pratiche, eco- compatibili ed a basso costo.

    I requisiti dei diversi tipi di packaging, in base al tipo di alimento da confezionare, sono associati principalmente alla funzione di contenimento, alla protezione fisica, alla garanzia di qualità nutrizionali e sensoriali ed alla comunicazione visiva delle caratteristiche di prodotto. Tutto ciò va inquadrato in un’ottica economica e di riduzione dell’impatto ambientale dei materiali.

    Il settore ortofrutticolo presenta particolari esigenze per la deperibilità e la fragilità dei prodotti. Da un’analisi del settore si nota che gli imballaggi utilizzati per il trasporto, dal campo al centro di smistamento, sono per il 75% bin in plastica a rendere, per il 20% bin in legno e per il restante 5% cassette di plastica o legno, per i prodotti più delicati che non devono affrontare percorsi  lunghi.

    L’impiego di polimeri plastici di sintesi, variamente composti e combinati anche con altri materiali, è in progressivo aumento nel confezionamento di prodotti freschi, con un sempre maggiore interesse verso l’uso di sostenze di origine naturale per un minore impatto sull’ambiente.

    In forte espansione è il cosiddetto “bio-packaging”, che si basa sulla combinazione di materiali sintetici con sostanze naturali. Tali polimeri, combinati con materiale di origine biologica, sono considerati biorinnovabili. Di particolare interesse risultano il PLA (acido poli-lattico), un biopolimero ottenuto con amido di mais biodegradabile e compostabile al 100% che non resiste a temperature superiori a 55°C; la polpa di cellulosa, ricavata dalle fibre residue della lavorazione di alcune piante, in particolare bamboo e canna da zucchero, adatta a contenere anche cibi liquidi e resistente al calore; il Mater-Bi, bioplastica creata con amido di mais, grano e patata totalmente biodegradabile e compostabile.

    Gli imballaggi bio-funzionali incorporano enzimi immobilizzati chimicamente a resine sintetiche in microcapsule o, in alternativa, impiegano lacche e vernici contenenti sostanze naturali attive da applicare in superficie.

    Infine, esistono anche gli imballaggi “Active and Smart”, in grado di rilasciare sostanze antimicrobiche, denominati perciò anche imballaggi attivi ed intelligenti.

    Fonte: Terra e Vita / italiaimballaggio.packmedia.net

    Sfoglia l'anteprima

    CorsoIrrigazione

    News Agricoltura

    • Pesca sostenibile in Adriatico. Veneto agricoltura ha presentato “Itaca”  La Difesa del Popolo

      Read more...
    • Coronavirus: agricoltura padovana paralizzata  La Piazza

      Read more...
    • Produrre di più, usando meno risorse Fertilizzanti per l’agricoltura 4.0  Quotidiano.net

      Read more...

    News Ortofrutta

    • CORONAVIRUS, TAVOLO ORTOFRUTTA RINVIATO  Corriere Ortofrutticolo

      Read more...
    • Incendia il negozio di ortofrutta per motivi passionali  Italiafruit News

      Read more...
    • Sostenibilità, Ifco certifica produttori e distributori di ortofrutta  Myfruit.it

      Read more...

    © Fruit Communication Srl
    Tutti i diritti riservati

    Iscrizione al Registro della Stampa presso il Tribunale di Bari n° 723/12 del 22/03/12

    Fruit Communication Srl | Sede legale Via Noicàttaro nc - Rutigliano (BA) | Partita IVA 07969090724

    Alcuni contenuti pubblicati possono essere rielaborati da feed rss forniti pubblicamente da altri siti. Alcune foto potrebbero essere prese dal web e ritenute di dominio pubblico. I proprietari contrari alla pubblicazione possono contattare la redazione scrivendo a info@uvadatavola.com e chiederne la rimozione.

    Cerca