Focus

    Mercoledì, 25 Giugno 2014 09:53

    Controllo delle alterazioni di uva tavola in frigoconservazione con ozono

    24 giugno 2014, Milano. I ricercatori del Consiglio Nazionale delle Ricerche – Istituto di Scienze delle Produzioni Alimentari (ISPA-CNR) hanno presentato i risultati dell’ozono sul controllo microbiologico dell’uva da tavola durante lo stoccaggio refrigerato, valutando, inoltre gli effetti sinergici tra l’utilizzo dell’ozono e la refrigerazione passiva per il controllo delle alterazioni batteriche della frutta in frigoconservazione.

    La conservazione dell’uva in atmosfera ozonizzata ed in condizioni di refrigerazione passiva ha consentito una riduzione statisticamente significativa della carica di batteri epifiti, che potrebbero portare alla comparsa di marciumi specialmente in prossimità di micro ferite, dopo 50 giorni di circa un ordine di grandezza rispetto alla refrigerazione convenzionale (Fig. 1).

    Fig. 1 - Effetto della refrigerazione passiva in atmosfera ozonizzata su lieviti e batteri epifiti dell’uva 'Italia' in post-raccolta (lieviti in refrigerazione convenzionale non rilevati a 10, 20 e 40 giorni di conservazione).

    Parallelamente al controllo delle popolazioni batteriche epifitiche, è stato inoltre registrato un efficace controllo dello sviluppo di marciume acido, alterazione sostenuta da numerose specie di batteri acetici già a partire dal 30° giorno. Il risultato è stato particolarmente evidente al termine della frigoconservazione quando il controllo (non trattato con ozono) risultava completamente alterato (fig.2, foto a destra) mentre l’uva trattata con ozono risultava ancora in buone condizioni (fig. 2, foto a sinistra).

    Fig. 2 - Uva 'Italia' dopo 50 giorni di conservazione in condizioni di refrigerazione passiva in atmosfera ozonizzata (foto a sinistra) o refrigerazione convenzionale (foto a destra). Le frecce indicano bacche affette da marciumi acidi.

    Inoltre, la frigoconservazione e lo stoccaggio hanno  influenzato in modo significativo l’imbrunimento, la percentuale di sostanza secca del rachide e la qualità visiva (Fig. 2). I rachidi conservati nel sistema combinato refrigerazione passiva con ozono hanno subito una minore disidratazione durante la conservazione (mediamente il 38% in meno).

    In conclusione, il presente lavoro indica il vantaggio, rispetto alla frigoconservazione standard, dei sistemi combinati di refrigerazione passiva ed atmosfera ozonizzata per il controllo di alterazioni batteriche dei frutti in frigoconservazione.

    Le ricerche sono state condotte nell’ambito del progetto di ricerca “Sviluppo di prodotti alimentari innovativi mediante soluzioni biotecnologiche, impiantistiche e tecnologiche – PROINNO_BIT (PON02_00186_3417037)” sostenuto dal P.O.N. RICERCA E COMPETITIVITA' 2007-2013 per le Regioni della Convergenza  (Avv. 713/Ric. del 29/10/2010 - Titolo II - "Sviluppo/Potenziamento di DAT e di LPP", che ha visto un partenariato capace di coprire i diversi punti della filiera dell’uva da tavola, a partire dalla fase di produzione in campo fino alla realizzazione dei prototipi con i quali è stata realizzata la sperimentazione.

    In particolare, la tecnologia di generazione dell’ozono è stata sviluppata dalla società ELSAC Engineering (Massafra), partner di progetto coadiuvata dal Sig. Giuseppe Mazzeo, con la collaborazione del Dott. Cristian Carboni, Ozone application specialist di De Nora Next – Business Unit di Industrie De Nora Spa (Milano), esperto internazionale dell’applicazione dell’ozono al settore agro-alimentare.

    Riguardo all’uso dell’ozono, il Dott. Carboni spiega che “l’ozono è efficace anche nelle celle con refrigerazione tradizionale tant’è che ad oggi sono numerose le aziende che hanno acquistato impianti ad ozono da utilizzare proprio nelle celle con refrigerazione tradizionale con evidenti vantaggi nella conservazione di varie tipologie di frutta: uva, meloni, piccoli frutti, pesche, kiwi, mele, pomodori, cetrioli, melanzane, patate, agrumi, kiwi, ecc., ovviamente  il suo abbinamento alla refrigerazione passiva ne amplia e migliora le potenziali applicazioni”.

    Fonte: Silvia de Candia, Loris Pinto, Leonardo Caputo, Federico Barruzzii, ‘Effetto dell’ozono sul controllo microbiologico di uva da tavola durante lo stoccaggio refrigerato’, 2014, “Postharvest 2014”.

    De Nora NEXT

    De Nora NEXT è la nuova business unit di Industrie De Nora, azienda leader mondiale nel settore elettrochimico e sul mercato da oltre 90 anni. I sistemi De Nora NEXT trovano molteplici impieghi: dalla detergenza e sanificazione di superfici rigide  in ambienti industriali, medico-sanitario, ricreativi ed educativi, alle applicazioni in agricoltura come coadiuvanti nella crescita delle piante sino al trattamento di acque da potabilizzare in aree geografiche disagiate.

     

    De Nora NEXT

    Via Leonardo Bistolfi, 35

    20134 MILANO (MI

    Tel. +39 0221292830

    Fax. + 39 0221292831

    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  - www.denoranext.com

    Sfoglia l'anteprima

    News Agricoltura

    • Agricoltura in festa con i bersaglieri ciclisti  La Provincia

      Leggi l'articolo
    • L'agricoltura è virtuosa con trattrici italiane  Avvenire

      Leggi l'articolo
    • Per azzerare l'effetto dazi l’agricoltura italiana chiede aiuto alla Ue  la Repubblica

      Leggi l'articolo

    News Ortofrutta

    • VELARDO (ITALIA ORTOFRUTTA) SU THE ROME TABLE: “UTILE ALLE OP PER L'EXPORT E LA GDO  Corriere Ortofrutticolo

      Leggi l'articolo
    • A Zevio un convegno per discutere il futuro dell'ortofrutta  Italiafruit News

      Leggi l'articolo
    • L'ortofrutta biodinamica si fa spazio in Gdo  Italiafruit News

      Leggi l'articolo

    © Fruit Communication Srl
    Tutti i diritti riservati

    Powered by Nealogic

    Iscrizione al Registro della Stampa presso il Tribunale di Bari n° 723/12 del 22/03/12

    Fruit Communication Srl | Sede legale Via Noicàttaro nc - Rutigliano (BA) | Partita IVA 07969090724

    Alcuni contenuti pubblicati possono essere rielaborati da feed rss forniti pubblicamente da altri siti. Alcune foto potrebbero essere prese dal web e ritenute di dominio pubblico. I proprietari contrari alla pubblicazione possono contattare la redazione scrivendo a info@uvadatavola.com e chiederne la rimozione.

    Cerca