Giovedì, 07 Agosto 2014 21:58

    Embargo Russia: a rischio l'export di uva da tavola

    La Russia blocca le importazioni dai paesi che hanno imposto o appoggiato le sanzioni dopo la crisi in Ucraina. Il divieto riguarda “prodotti agricoli, materie prime e alimenti” e dura un anno dall’entrata in vigore del decreto, ma Mosca si riserva di ridurne o allungarne la durata.

    Il governo russo pubblicherà una lista dettagliata dei prodotti che non si potranno più importare e definirà gli atti necessari per contenere l’aumento dei prezzi. Questo blocco costerà inoltre al paese notevoli investimenti per aumentare la produzione interna dei beni che non saranno comprati all’estero.

    Per l’export italiano si potrebbe trattare di una perdita grave: nel 2013 le esportazioni verso la Federazione Russa sono state quantificate in 10,4 miliardi di euro, e l’Italia è stato il quinto fornitore con una quota del 4,8%. La vendita in Russia dei prodotti tipici del made in Italy, cioè agroalimentari e bevande, ha rappresentato il 10% delle esportazioni totali, per un valore di oltre 1 miliardi di euro. Di conseguenza, saranno penalizzati in primis i vini, la pasta, la carne e l’ortofrutta (tra cui l'uva da tavola), tutti prodotti molto apprezzati dai russi, che hanno subito un calo molto pesante già dall’inizio della crisi in Ucraina.

    L'Italia è all'8° posto nella classifica dei maggiori esportatori di uva da tavola in Russia.

    Fonte: ilfattoquotidiano.it

    Sfoglia l'anteprima

    © Fruit Communication Srl
    Tutti i diritti riservati

    Iscrizione al Registro della Stampa presso il Tribunale di Bari n° 723/12 del 22/03/12

    Fruit Communication Srl | Sede legale Via Noicàttaro nc - Rutigliano (BA) | Partita IVA 07969090724

    Alcuni contenuti pubblicati possono essere rielaborati da feed rss forniti pubblicamente da altri siti. Alcune foto potrebbero essere prese dal web e ritenute di dominio pubblico. I proprietari contrari alla pubblicazione possono contattare la redazione scrivendo a info@uvadatavola.com e chiederne la rimozione.

    Cerca