Lunedì, 03 Settembre 2018 09:54

    Bari e BAT, uva da tavola a rischio

    Nella provincia di Bari e nella Bat le ondate di maltempo che si sono succedute nel mese di agosto e gli sbalzi di temperatura stanno mettendo a dura prova un importante segmento della produzione agricola del territorio: l’uva da tavola.

    Dopo un avvio di campagna promettente, nella seconda metà di agosto sono emersi problemi di tenuta.

    I violenti temporali, uniti a trombe d’aria e grandinate, hanno reso impraticabili i vigneti, tanto da indurre CIA Puglia a richiedere alla Regione il riconoscimento dello stato di calamità.

    Dei circa 35000 ettari di superficie ad uva da tavola della Puglia oltre 15.000 ettari sono nelle province di Bari e Bat, con una produzione di circa 4,5 milioni di quintali.

    “Le avverse condizioni atmosferiche da un lato e il mercato dall’altro stanno ammazzando un comparto fondamentale per l’economia del nostro territorio – afferma il presidente Cia Levante (Bari – Bat) Felice Ardito – non è possibile produrre uva da tavola ad un costo di 0,60 €/kg e venderla a un prezzo che non copre neanche le spese di produzione. Siamo al fallimento. Servono interventi che aiutino a risollevare il settore. Una parte importante deve farla la GDO, che non può strozzare le imprese agricole con prezzi al ribasso, favorendo le produzioni degli altri Paesi che non garantiscono le norme di sicurezza per i consumatori, al contrario di quello che invece garantiscono i nostri agricoltori. È risaputo che nei Paesi extra-europei ed in alcuni europei vengono utilizzati prodotti fitosanitari che in Italia sono vietati. Non è possibile pagare contributi di 15 euro per ogni giornata di lavoro, mentre in altri Paesi se ne pagano la metà ed anche meno. Chiediamo l’esposizione del doppio prezzo sui prodotti in vendita. I consumatori devono sapere chi sono gli sfruttati. In questo stato di cose gli agricoltori onesti sono gli sfruttati. Anche questo è caporalato, però a danno delle imprese. Queste sono solo alcune delle rivendicazioni che come Cia poniamo all’attenzione delle istituzioni regionali, nazionali ed europee dalle quali gli agricoltori da anni attendono risposte”.

     

    Fonte: Cia agricoltori

    Sfoglia l'anteprima

    News Agricoltura

    • Italia ancora indietro nell'innovazione in agricoltura  Il Sole 24 OREIn Europa, nell'innovazione agricola, la leadership è dei Paesi Bassi, seguiti da Belgio, Germania e Danimarca. Mentre l'Italia si colloca soltanto a metà ...

      Leggi l'articolo
    • Agricoltura, Fedragri Confcooperative Toscana: "Intesa con Centinaio sulla difesa del Made in Italy"  gonewsAbbiamo trovato ascolto e attenzione” così Ritano Baragli, vicepresidente di Fedagri Confcooperative Toscana e presidente della Cantina Sociale Colli Fior.

      Leggi l'articolo
    • Agricoltura sostenibile: “Italia lontana dall’efficienza”  Meteo WebSi è concluso con un appello al Governo perché la "ricerca scientifica italiana sulle biotecnologie verdi possa esser sperimentata in campo aperto"

      Leggi l'articolo

    News Ortofrutta

    • Lidl fa gol con l'ortofrutta italiana  Italiafruit NewsLa catena diventa fornitore ufficiale di frutta e verdura della Nazionale.

      Leggi l'articolo
    • Ortofrutta, un 2018 negativo per l'export made in Italy  AgronotizieI dati di Fruitimprese parlano chiaro: crolla la frutta fresca con un calo di 400mila tonnellate nelle quantità commercializzate. Unica nota positiva gli agrumi, ...

      Leggi l'articolo
    • Italia terra di agrumi, festival dell'ortofrutta made in Italy  Romanotizie“Conosci tu il paese dove fioriscono i limoni?”, cantava Goethe in un empito d'entusiasmo mettendo piede su suolo italico. I limoni (“le trombe d'oro della ...

      Leggi l'articolo

    © Fruit Communication Srl.
    Tutti i diritti riservati.

    Powered by Nealogic

    Iscrizione al Registro della Stampa presso il Tribunale di Bari n° 723/12 del 22/03/12

    Fruit Communication Srl | Sede legale Via Noicàttaro nc - Rutigliano (BA) | Partita IVA 07969090724

    Alcuni contenuti pubblicati possono essere rielaborati da feed rss forniti pubblicamente da altri siti. Alcune foto potrebbero essere prese dal web e ritenute di dominio pubblico. I proprietari contrari alla pubblicazione possono contattare la redazione scrivendo a info@uvadatavola.com e chiederne la rimozione.

    Cerca