Giovedì, 20 Dicembre 2018 15:49

    Crea, ricerca per l'agricoltura del futuro

    Presentato oggi a Roma il piano triennale del CREA; oltre ai progetti di ricerca è prevista la creazione di 2 laboratori da quarantena e due tecnopoli.

    I cambiamenti climatici, con particolare attenzione ad acqua e suolo in quanto risorse strategiche del paese, la biodiversità e le biotecnologie, con l'intento di preservare le varietà tipiche della tradizione italiana, l'agricoltura digitale, mirata ad una piattaforma italiana per la gestione avanzata delle produzioni agricole e forestali, ambiente e qualità per certificare e tracciare prodotti sempre più riconoscibili e sostenibili. Queste sono le quattro direttrici su cui si concentreranno i progetti del Crea che sono state illustrate agli stakeholder e alle istituzioni oggi a Roma.

    Così Salvatore Parlato, presidente del Crea, presentando il piano di ricerca triennale dell'ente vigilato dal Mipaaft: "Un sistema decisionale basato sulla conoscenza e una ricerca di qualità, coerente con le sfide globali, dal cambiamento climatico alle nuove tecnologie, ma calibrata sui fabbisogni nazionali e finalizzata a consolidare sempre più il made in Italy agroalimentare: ecco la strategia vincente di un'agricoltura italiana che sa rinnovarsi, mantenendo la propria identità e incrementando la sua competitività".

    Le infrastrutture
    Accanto ai progetti, saranno realizzate infrastrutture della ricerca in grado di elaborare soluzioni efficaci e tempestive sui temi più sensibili del settore.
    Per fronteggiare le invasioni biologiche di organismi e microrganismi alieni dannosi all'agricoltura, in modo adeguato e con livelli di sicurezza biologica pari agli standard dei paesi più avanzati, il Crea ha avviato la realizzazione di due laboratori da quarantena, uno a Firenze per il controllo di insetti-acari-nematodi e uno a Roma per il controllo di virus-batteri-funghi. I due laboratori opereranno in sinergia tra loro e in stretto rapporto con la struttura del Servizio fitosanitario centrale del Mipaaft e con i Servizi fitosanitari regionali, per assicurare un tempestivo supporto diagnostico, essenziale per circoscrivere i fenomeni.

    Per aumentare e rendere sempre più disponibile il patrimonio di conoscenze saranno avviate piattaforme integrate ed evolute in grado di identificare e contrastare le frodi alimentari, assicurare la certificazione delle sementi, facilitare il miglioramento genetico, fornire modelli di analisi, sviluppo, previsione e valutazione d'impatto sia quantitativi che qualitativi. Senza dimenticare All'innovazione saranno decicati due tecnopoli: uno a Lodi (su zootecnia, sementi, foraggi e bioenergie) e uno a Monterotondo (su economia circolare, agricoltura e zootecnia digitale, recupero e gestione biodiversità); a Rieti, invece, nascerà il Centro nazionale di agricoltura digitale.

    Crea e Mipaaft per l'innovazione
    Il ruolo fondamentale della ricerca per il rilancio dell'agricoltura è stato sottolineato dall'intervento del sottosegretario di Stato Alessandra Pesce, e dal ministro delle Politiche agricole alimentari, forestali e del turismo Gian Marco Centinaio che ha evidenziato:"La ricerca è un motore di sviluppo culturale, tecnologico ed economico fondamentale nella vita di un paese.

    Il Crea rappresenta il principale ente di ricerca applicata e operativa a servizio delle aziende agricole, uno strumento fondamentale da valorizzare nel migliore dei modi. Stiamo vivendo una fase nuova rispetto al passato che implica esigenze diverse: dobbiamo investire di più in ricerca, innovazione e tecnologia ma soprattutto dobbiamo investire in modo mirato, con lo scopo di fronteggiare le sfide del sistema agroalimentare, in termini di innovazione, competitività e sostenibilità.

    La missione del ministero sarà quella di accompagnare questo percorso. Dobbiamo fare squadra perché davanti c'è la grande occasione europea di Horizon 2020, dove il nostro paese deve essere alla guida di uno sviluppo delle linee di studio e di innovazione e soprattutto dobbiamo fare il salto di qualità sulla ricerca agricola e agroalimentare italiana".

     

    Fonte:Crea

    Sfoglia l'anteprima

    News Agricoltura

    • Italia ancora indietro nell'innovazione in agricoltura  Il Sole 24 OREIn Europa, nell'innovazione agricola, la leadership è dei Paesi Bassi, seguiti da Belgio, Germania e Danimarca. Mentre l'Italia si colloca soltanto a metà ...

      Leggi l'articolo
    • Agricoltura, Fedragri Confcooperative Toscana: "Intesa con Centinaio sulla difesa del Made in Italy"  gonewsAbbiamo trovato ascolto e attenzione” così Ritano Baragli, vicepresidente di Fedagri Confcooperative Toscana e presidente della Cantina Sociale Colli Fior.

      Leggi l'articolo
    • Agricoltura sostenibile: “Italia lontana dall’efficienza”  Meteo WebSi è concluso con un appello al Governo perché la "ricerca scientifica italiana sulle biotecnologie verdi possa esser sperimentata in campo aperto"

      Leggi l'articolo

    News Ortofrutta

    • Lidl Italia, fornitore ufficiale di ortofrutta della Nazionale di calcio  Fruitbook MagazineLidl Italia ha rinnovato dopo 4 anni la partnership con la Nazionale italiana di calcio, diventando anche il fornitore ufficiale di frutta e verdura, la stessa che si ...

      Leggi l'articolo
    • Ortofrutta, un 2018 negativo per l'export made in Italy  AgronotizieI dati di Fruitimprese parlano chiaro: crolla la frutta fresca con un calo di 400mila tonnellate nelle quantità commercializzate. Unica nota positiva gli agrumi, ...

      Leggi l'articolo
    • Wefrood, nasce l'app che consente di recensire l'ortofrutta - Terra & Gusto  Agenzia ANSACon l'obiettivo di favorire l'incontro tra chi vende e chi consuma ortofrutta nasce "Wefrood", piattaforma web e app con un sistema di funzionamento che ...

      Leggi l'articolo

    © Fruit Communication Srl.
    Tutti i diritti riservati.

    Powered by Nealogic

    Iscrizione al Registro della Stampa presso il Tribunale di Bari n° 723/12 del 22/03/12

    Fruit Communication Srl | Sede legale Via Noicàttaro nc - Rutigliano (BA) | Partita IVA 07969090724

    Alcuni contenuti pubblicati possono essere rielaborati da feed rss forniti pubblicamente da altri siti. Alcune foto potrebbero essere prese dal web e ritenute di dominio pubblico. I proprietari contrari alla pubblicazione possono contattare la redazione scrivendo a info@uvadatavola.com e chiederne la rimozione.

    Cerca