Lunedì, 12 Settembre 2016 09:01

    Al via la campagna di promozione per l'uva da tavola nella GDO e nei negozi specializzati

    Al via la Campagna di Promozione Collettiva a favore dell’uva da tavola italiana, che vedrà l’adesione di migliaia di punti vendita delle principali catene della grande distribuzione, di negozi specializzati e di “prossimità”.

    La campagna si svolgerà a settembre e ottobre per almeno una settimana in ogni punto vendita che aderisce all’iniziativa e vede la partecipazione dell’intero comparto dell’uva da tavola nazionale – un prodotto molto importante per l’economia agricola nazionale e del sud Italia in particolare. L’obiettivo dell’iniziativa, è quello di dare un segnale importante ai consumatori italiani sui fondamentali di valorizzazione del prodotto e di stimolo al suo consumo, attraverso materiale di comunicazione che riporti il layout istituzionale di Ortofrutta Italia, proprio nel periodo di maggiore potenziale qualitativo, focalizzando la provenienza della comunicazione nell’Organizzazione Interprofessionale (quindi tutta la filiera) e nel MiPAAF (la Pubblica Amministrazione competente).

    Le produzioni italiane di Uva da Tavola si concentrano in due grandi poli di produzione – Puglia e Sicilia – che rappresentano più del 90% della superficie agricola dedicata a questa coltura e che insieme consolidano poco meno di un milione di tonnellate (600.000 la prima, circa 370.000 la seconda). Le altre regioni italiane non incidono significativamente sul totale della produzione.

    Secondo le analisi condotte da ISMEA, la disponibilità di Uva da Tavola in Italia, proviene quasi totalmente dalla produzione nostrana (98%). Anche sul fronte export, nonostante si sia registrata una diminuzione negli ultimi anni, la percentuale della nostra produzione rivolta all’export rimane superiore al 40%, pur con tutte le difficoltà logistiche e di trasporto, nonché dell’embargo russo.

    Le elaborazioni di ISMEA individuano una dimensione media alla produzione di circa 2 ettari. Nettamente superiori alla media sono invece le aziende delle province di Taranto (oltre 4 ettari), Catania e Caltanissetta (circa 3 ettari e mezzo).

    I consumi domestici di uva da tavola nel nostro paese sono diminuiti negli ultimi 6/7 anni di circa 3 punti percentuali a volume e di oltre 7 punti a valore. Nonostante la buona introduzione di nuove varietà di elevata qualità, anche snackizzabili come le uve senza semi, e la diminuzione dei prezzi medi al consumo del 5%, le famiglie italiane continuano, purtroppo, a ridurre gli acquisti di questo prodotto.

    © Fruit Communication Srl
    Tutti i diritti riservati

    Iscrizione al Registro della Stampa presso il Tribunale di Bari n° 723/12 del 22/03/12

    Fruit Communication Srl | Sede legale Via Noicàttaro nc - Rutigliano (BA) | Partita IVA 07969090724

    Alcuni contenuti pubblicati possono essere rielaborati da feed rss forniti pubblicamente da altri siti. Alcune foto potrebbero essere prese dal web e ritenute di dominio pubblico. I proprietari contrari alla pubblicazione possono contattare la redazione scrivendo a info@uvadatavola.com e chiederne la rimozione.

    Cerca