Addio furti: a Noicattaro (Ba) innovativo sistema di videosorveglianza rurale

Telecamere ad ampio raggio per scongiurare l'abbandono dei rifiuti, l'incendio di rifiuti pericolosi e i furti di uva da tavola.

da Redazione uvadatavola.com
furti uva

Con l’arrivo della bella stagione si avvicina sempre di più il momento della raccolta delle varietà di uva più precoci e apprezzate dal mercato. Appena l’uva comincia ad invaiare, però, ecco che  contestualmente giunge anche l’allarme furti per l’uva da tavola.

Alle dichiarazioni dei produttori, sfiancati da questa piaga, seguono i comunicati stampa delle associazioni di categoria che invocano a gran voce un tavolo tecnico in Regione per potenziare la vigilanza nelle zone rurali. Una brutta storia insomma, che umilia il lavoro dei viticoltori e che speriamo di non dover più raccontare sulle pagine di questo giornale.

L’amministrazione di Noicattaro (Ba) stavolta ha però giocato d’anticipo. Lunedì 6 giugno 2022, infatti, durante una diretta facebook il sindaco, Raimondo Innamorato, e l’Assessore all’Agricoltura, Vito Fraschini, hanno comunicato la messa a punto di un sistema di videosorveglianza all’avanguardia per le aree agricole.

In questo momento (giovedì 9 giugno a partire dalle ore 11:00) presso la Sala Corsi dell’assessorato all’ambiente del comune di Noicattaro (Sita in zona PIP) è in corso una conferenza stampa per presentare l’innovativo servizio di videosorveglianza delle aree agricole. Durante la diretta di lunedì il sindaco ha annunciato che sarà anche possibile partecipare alla conferenza, a distanza, attraverso la diretta facebook realizzata sulla pagina: Raimondo Innamorato sindaco.

Il sindaco ha dichiarato: “Rendere più sicure le campagne è sempre stata una delle volontà di questa amministrazione e per scongiurare fenomeni come l’abbandono dei rifiuti, l’incendio di rifiuti pericolosi (rifiuti plastici agricoli) e i furti di uva da tavola abbiamo messo a punto un sistema di videosorveglianza all’avanguardia”.

Parola d’ordine: prevenzione

“Durante gli scorsi anni si è cercato di arginare il fenomeno attraverso un impiego massiccio di forze dell’ordine e uomini del consorzio di vigilanza campestre. D’ora in poi, però, l’amministrazione punta a prevenire il fenomeno attraverso il monitoraggio dell’agro di Noicattaro”.

La visione che ha portato l’amministrazione a fare questo passo è la seguente: “Così come monitoriamo costantemente il centro urbano, allo stesso modo è nostro compito vigilare e monitorare una delle aree più preziose del nostro paese. Si tratta, tra l’altro, del luogo dal quale proviene una delle nostre maggiori fonti di reddito. La coltivazione dell’uva da tavola, infatti, da lustro alla comunità nojana. La nostra agricoltura, il lavoro degli agricoltori e gli agricoltori stessi devono essere tutelati”.

Fraschini: “L’obiettivo è monitorare il 100% dell’agro di Noicattaro”

Vito Fraschini, ha poi spiegato: “Si tratta di pali, installati nelle zone più precoci dell’agro nojano, sui quali sono state poste telecamere ad ampio raggio. Il sistema, inoltre, è supportato da un software specifico per il rilevamento e la segnalazione. Durante la conferenza stampa effettueremo una demo per raccontare il progetto che è unico nel Sud Italia”.

Infine l’assessore ha concluso spiegando che il progetto pilota ha costi elevati, ma negli anni l’amministrazione punta a sorvegliare tutto l’agro di Noicattaro: “L’intenzione è di coprire interamente tutto il territorio vocato alla produzione agricola per tutelare tutti i vigneti ad uva da tavola a dimora in agro di Noicattaro, e non solo le zone più pregiate, ovvero gli anticipi. Entro il 2026 contiamo di raggiungere questo obiettivo”.

 

Autrice: Teresa Manuzzi
©uvadatavola.com

Articoli Correlati