Lunedì, 28 Gennaio 2019 11:00

    Arginina: indicatore delle riserve di azoto | parte II

    In primavera le sostanze nutritive accumulate negli organi di riserva vengono mobilizzate e traslocate alla chioma. Questo processo dura mediamente due mesi (anche meno se le sostanze nutritive accumulate l’anno prima sono scarse). In generale più grandi sono le radici e gli altri organi di riserva (quindi maggiore è l’età della pianta), maggiore è anche la capacità di accumulare riserve.

    Mobilizzazione e traslocazione

    La ripresa vegetativa delle specie arboree avviene quasi sempre prima che l’apparato radicale sia capace di assorbire adeguate quantità di nutrienti dal suolo. Questo significa che le prime fasi di attività vegetativa degli alberi in primavera sono possibili grazie all’utilizzo di elementi nutritivi accumulati in precedenza nelle radici, nel fusto, nelle branche e nei rami. Quando in primavera riprende l’attività vegetativa, la parte aerea della pianta richiede elevate quantità di carboidrati,
    amminoacidi e composti organici dell’azoto. I carboidrati sono forniti a partire dall’amido che nel corso della stagione è stato conservato nella radice (soprattutto dopo la raccolta dei frutti). L’amido viene idrolizzato fino a formare zuccheri semplici; dalla radice questi ultimi vengono trasportati, prevalentemente in forma di linfa elaborata, verso la parte aerea. Parleremo di amido più avanti nel corso dell’articolo. La principale fonte di azoto al germogliamento è invece rappresentata dall’arginina. 

     

    Natura chimica dell’arginina

    L'arginina libera è il costituente principale degli estratti dei tessuti legnosi di stoccaggio di melo, pesco, susino e ciliegio in dormienza. Considerazioni analoghe possono essere fatte per la vite. La struttura molecolare dell'arginina, con il suo elevato rapporto tra gli atomi di azoto (4) e di carbonio (6), spiega perché questa molecola si comporta come la più efficiente tra le forme di riserva di azoto. L'arginina è pertanto una forma importante di stoccaggio e trasporto dell'azoto organico nelle piante e svolge un ruolo importante per la sintesi proteica. Questo amminoacido è inoltre un precursore delle poliammine e dell'ossido nitrico (NO) e un metabolita essenziale per molti processi cellulari e di sviluppo.

    L’arginina è la principale fonte azotata che ha la pianta al germogliamento. Il metabolismo dell'arginina svolge pertanto un ruolo chiave nel ciclo dell'azoto delle piante.

     

    Autori: Gonzalo Allendes Lagos - Ing. Agr. PUCV - Director Técnico Corporativo AGQ Labs
                Mirko Sgaramella - Agronomo - Consulente in viticoltura da tavola

     

    Per la terza parte dell'arginina: indicatore delle riserve di azoto CLICCA QUI.

     

     

     

     

    Sfoglia l'anteprima

    News Agricoltura

    • Agricoltura in festa con i bersaglieri ciclisti  La Provincia

      Leggi l'articolo
    • L'agricoltura è virtuosa con trattrici italiane  Avvenire

      Leggi l'articolo
    • Per azzerare l'effetto dazi l’agricoltura italiana chiede aiuto alla Ue  la Repubblica

      Leggi l'articolo

    News Ortofrutta

    • VELARDO (ITALIA ORTOFRUTTA) SU THE ROME TABLE: “UTILE ALLE OP PER L'EXPORT E LA GDO  Corriere Ortofrutticolo

      Leggi l'articolo
    • A Zevio un convegno per discutere il futuro dell'ortofrutta  Italiafruit News

      Leggi l'articolo
    • Ortofrutta, a Milano gli Stati generali - AgroNotizie - Economia e politica  Agronotizie

      Leggi l'articolo

    © Fruit Communication Srl
    Tutti i diritti riservati

    Powered by Nealogic

    Iscrizione al Registro della Stampa presso il Tribunale di Bari n° 723/12 del 22/03/12

    Fruit Communication Srl | Sede legale Via Noicàttaro nc - Rutigliano (BA) | Partita IVA 07969090724

    Alcuni contenuti pubblicati possono essere rielaborati da feed rss forniti pubblicamente da altri siti. Alcune foto potrebbero essere prese dal web e ritenute di dominio pubblico. I proprietari contrari alla pubblicazione possono contattare la redazione scrivendo a info@uvadatavola.com e chiederne la rimozione.

    Cerca